Pubblicato il

44 nuovi giovani agricoltori

44 nuovi giovani agricoltori

Hanno frequentato due corsi del progetto regionale finanziato dal Fondo Sociale Europeo

Sono 44 i giovani che hanno concluso con successo il corso di formazione organizzato dall’Institut Agricole Régional e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (Obiettivo 2 Programma Operativo Regionale Occupazione) che ha formato grazie a 132 ore di formazione in aula i futuri imprenditori agricoli. Hanno ricevuto l’attestato Mattia Alessi, Roberto Barattin, Claudio Berthod, Paul Besenval, Sandra Bochet, Erik Bonin, Laura Buscio, Alessia Ceppi, Elisa Cerise, Katiuscia Chaussod, Xavier Chevrier, Michela Collé, Alessandro Consol, Luca Consol, Alice Cosson, Annie Costantini, Edoardo Crea, Luana De Antoni, Karin Diemoz, Federico Enria, Paola Fanny, Ausilia Gens, Giuseppe Girod, Alessia Gontier, Michel Isabellon, Simone Lavy,Christy Lowery, Valentina Manella, Vincenzo Marcone, Alice Martello, Marlène Negri, William Parleaz, Silvye Payn, Irvin Peaquin, Chantal Rodrigue, Silvia Sailis, Giulia Sedda, Enrico Tamburin, Claudia Torrent, Simone Torrent, Giulia Urracci, Ives Varisellaz, Michel Viérin e Jean Paul Voyat. Il percorso formativo, organizzato dall’Institut Agricole Régional, si proponeva di far acquisire le competenze necessarie per esercitare l’attività di imprenditore agricolo, stabilite nel sistema di competenze e nello standard formativo. Il corso è valido ai fini dell’acquisizione delle competenze professionali previste dalla misura 112 Insediamento di giovani agricoltori del Programma di Sviluppo Rurale. Oltre all’attestato, rilasciato a quanti hanno rispettato la frequenza prevista (almeno l’80 per cento delle lezioni) e raggiunto il profitto richiesto (almeno 6/10 di media nelle sei prove di valutazione), sono stati consegnati l’attestato valido ai fini dell’idoneità sanitaria per la manipolazione degli alimenti (ex libretto sanitario) e l’idoneità a svolgere l’attività di responsabile della sicurezza in azienda oltre all’attestato di addetto antincendio per le aziende a rischio medio.
(c.t.)

Condividi

ULTIME NEWS