Pubblicato il

Quattro franchi tiratori sull’operazione Cva-Casinò de la Vallée

Quattro franchi tiratori sull’operazione Cva-Casinò de la Vallée

”E’ una strada percorribile e legale’’. Così il presidente della Regione sull’operazione che vede la Cva coinvolta, con un prestito da 50 milioni alla Casinò de la Vallée SpA, nel rilancio del Casa da gioco e del complesso del Grand Hôtel Bilia di Saint-Vincent. ”Ha i crismi per attivare un percorso virtuoso e che ci porterà a un buon risparmio sugli interessi che potranno aggirarsi sui trentamila euro. Siamo disponibili a riferire in commissione ma non riteniamo sia necessario richiedere un parere preventivo alla Corte dei Conti”, ha concluso Rollandin rispondendo a una mozione del gruppo Alpe che chiedeva di riferire nella quarta commissione Economia e Sviluppo e di coinvolgere la Corte dei Conti ”a scopo cautelativo”, come motivato da Roberto Louvin. ”Non riteniamo corretto che ad assumere la decisione sia la sola Giunta. Siccome si tratta di utili di controllate regionali, dovrebbe aprirsi un dibattito sul loro utilizzo. Non rientrano le partecipate nel domaine reservé dell’esecutivo. Non siamo contrari all’operazione ma vorremmo parlarne”, ha replicato Louvin. ”Diamo i soldi di un’azienda che funziona a una che è decotta”, ha sentenziato Raimondo Donzel del Pd. Mozione respinta al mittente con 4 franchi tiratori.

Condividi

ULTIME NEWS