Pubblicato il

Lite finita nel sangue, migliorano le condizioni di Tiziana Manella

Lite finita nel sangue, migliorano le condizioni di Tiziana Manella

La donna coinvolta nella lite con un vicino, morto per una coltellata, resta in prognosi riservata e non può ancora essere interrogata dagli inquirenti

Migliorano le condizioni di Tiziana Manella, di 49 anni, ricoverata nel reparto di rianimazione dell’ospedale Umberto Parini da venerdì scorso con profonde ferite da arma da taglio dopo una violenta lite con il vicino di casa, Luigi Viviani, di 53 anni, morto qualche ora dopo per una coltellata. Le sue condizioni, comunque, non consentono al momento agli inquirenti di interrogarla.
Tiziana Manella è indagata per omicidio volontario in relazione alla morte del vicino. Intanto è stata effettuata ieri l’autopsia sul corpo di Luigi Viviani che ha confermato che a uccidere l’operaio di 53 anni di Aosta è stata una coltellata. Un taglio di 30 centimetri, inferto dall’alto verso il basso che non ha lasciato scampo all’uomo nonostante un delicato intervento chirurgico. L’esito del’autopsia è al vaglio degli inquirenti.

Condividi

ULTIME NEWS