Pubblicato il

Autostrada: a gennaio aumenti in doppia cifra

Autostrada: a gennaio aumenti in doppia cifra

Sav (Società autostrade valdostane) ha festeggiato ieri al Grand Hotel Billia di Saint-Vincent i 50 della sua storia. Mezzo secolo in cui la Sav ha contribuito a cambiare il volto dell’economia dell’intera regione, togliendola dall’isolamento in cui versava e favorendo lo sviluppo turistico. “Oggi per la Valle d’Aosta l’autostrada è l’infrastruttura più importante, dato che abbiamo una ferrovia da Terzo Mondo, senza offesa per quest’ultimo”, ha detto il presidente della Regione, Augusto Rollandin.
Sui temi dell’accessibilità e degli investimenti si sono soffermati il presidente della Sav, Domenico Calza e l’ad Eugenio Bonino, i quali hanno ricordato come “la Sav abbia investito nel quinquennio 2009-2013 oltre 50 milioni per lavori che si sono resi necessari per l’età dell’infrastruttura e per le nuove normative europee e nazionali”.
Il direttore Marcello Christillin ha ricordato come “la conformazione della Valle rende particolare la nostra autostrada, tanto che oltre a predisporre nuovi guard-rail e barriere sonore abbiamo dovuto intervenire per rinforzare i ponti”.
Notevoli, infatti, i disagi per tutta l’estate, con lunghe code tra Saint-Vincent e Verrès soprattutto nel mese di agosto e nei weekend. “Il peggio dovrebbe essere passato – ha tranquillizzato Christillin -, perché rimangono solo i lavori di Montjovet, che a fine ottobre dovrebbero essere conclusi”.
E veniamo alla nota dolente della giornata: i pedaggi. Il presidente Rollandin ha ricordato quello che tutti sanno “abbiamo l’autostrada più cara d’Italia, e questo potrebbe avere ricadute negative soprattutto sul turismo. Ormai la gente prima di partire si fa quattro conti e sceglie di andare dove gli conviene. Chiedo ad Anas e Sav di affrontare questo tema”.
Detto, fatto: le tariffe aumenteranno di nuovo. Nulla di ufficiale, ma da indiscrezioni si parla di un aumento recordo: dal primo gennaio + 18%. Non è che per caso il costo della festa per i 50 anni sarà assorbito dall’aumento dei pedaggi? Molto probabile.(l.m.)

Condividi

ULTIME NEWS