Pubblicato il

La Donna dell’Anno, le tre fnaliste

Sono la congolese Caddy Adzuba Fauraha, l'italiana suor Maria Francesca Leonardi e la francese Sylvie Pissard

Sono la congolese Caddy Adzuba Fauraha, l'italiana suor Maria Francesca Leonardi e la francese Sylvie Pissard

Sono la congolese Caddy Adzuba Fauraha, la suora italiana Maria Francesca Leonardi e la francese Sylvie Pissard Maillet le tre candidate finali al Premio internazionale La Donna dell’anno.
Le tre finaliste sono state scelte dalla giuria, presieduta da Luigino Vallet, presidente della Fondazione Comunitaria Valle d’Aosta, e composta dal presidente del Consiglio Valle, Emily Rini, dalla regista Maite Bulgari, dal presidente della Fondazione del Teatro Stabile di Torino, Evelina Christillin, dal portavoce della Comunità di Sant’Egidio, Mario Marazziti, dal giornalista Rai Roberto Olla, dal magnifico erettore dell’Università della Valle d’Aosta, Fabrizio Cassella, e dal membro del Consiglio di amministrazione della Fondazione CRT Riccardo Piaggio, fra le otto proposte dalla giuria di selezione.
Caddy Adzuba Furaha, presidente dell’Afidep (Alliance des jeunes femmes pour la promotion des valeurs humaines), che, tramite il suo lavoro a Radio Okapi, cerca di dare voce ai senza voce e denunciare le violazioni dei diritti delle donne e dei bambini, per informare e formare le donne sui loro diritti.
Suor Francesca Leonardi, marchigiana, è arrivata in Marocco nel 1978 per lavorare come assistente sociale, focalizzando la propria attenzione sui disabili. 
Sylvie Pissard Maillet è stata imprenditrice in Alta Savoia, prima di decidere di seguire suo marito nella Repubblica di Guinea, dove ha fondato l’Organizzazione non governativa “Non nobis”, che si batte, tra l’altro, per contrastare l’esodo rurale dei giovani, per migliorare le condizioni igieniche e sanitarie, con particolare attenzione allo sviluppo della cultura di impresa solidale tra le donne, la scolarizzazione e la protezione e tutela dell’ambiente. 
Come lo scorso anno anche il pubblico potrà votare via web assegnando il riconoscimento “popolarità” del valore di diecimila euro. Per questo è stato attivato un blog istituzionale, collocato nel sito ufficiale del Premio “Donna dell’anno” che permetterà al cittadino di votare la propria candidata preferita oltre che consentire il dibattito continuo e aperto con il pubblico.
La cerimonia di premiazione è in programma venerdì 30 novembre 2012, al Teatro Giacosa di Aosta.
(e.d.)

Condividi

ULTIME NEWS