Pubblicato il

Sanità: nel mirino il servizio di ristorazione all’ospedale Parini

Sanità: nel mirino il servizio di ristorazione all’ospedale Parini

L'assessore alla Sanità Antonio Fosson ammette che ''le qualità organolettiche non sono delle migliori'' e che ''ci sono margini per migliorarle''

Pasti di scarsa qualità e prezzo alto per il servizio di ristorazione per degenti e dipendenti dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta fornito dalla società Vivenda: è la denuncia di Nello Fabbri consigliere dell’Union valdôtaine progressiste. Rivolgendosi all’assessore alla Sanità Antonio Fosson chiede che «si attivi per tutelare i pazienti valdostani e i bimbi delle mense aostane servite dalla Vivenda».
Ammette l’esistenza di qualche problema Fosson che, insieme al collega dell’Union Claudio Restano, ha provato sul campo il menù servito all’ospedale Umberto Parini. Commenta: «Le norme igieniche erano sicuramente rispettate ma le qualità organolettiche non erano delle migliori». Ricorda poi l’assessore alla Sanità che «il servizio è oggetto di continui controllo e che da una rilevazione è risultato che la varietà dei menù, la qualità, la temperatura dei cibi hanno raccolto consensi che superano il 90%». Per quanto è dei costi Fosson ha chiarito che sono al disotto degli standard.
(danila chenal)