Pubblicato il

Vini d’eccellenza: Maison Anselmet conquista il gusto a stelle e strisce

Vini d’eccellenza: Maison Anselmet conquista il gusto a stelle e strisce

Il 'Vallée d'Aoste Torrette Superieur 2014 dell'azienda di Villeneuve è stato premiato con un punteggio altissimo sulla prestigiosa rivista Wine Spectator

Maison Anselmet alla conquista degli States.  L’azienda di Giorgio Anselmet e della sua famiglia ha infatti ottenuto un punteggio elevatissimo  – 91 su 100 –  per il Torrette Superieur 2014 – su Wine Spectator di ottobre – rivista opinion leader di riferimento per il mercato nordamericano dei vini. La degustazione è stata acquistata e valutata direttamente dalla redazione, all’insaputa del produttore, secondo la ‘procedura di tasting’ consolidata degli esperti del settore americani.  Giorgio Anselmet, impegnato nella vendemmia 2016, ha accolto con soddisfazione la notizia; «per noi, qualsiasi vino, dai vini base a quelli pluripremiati come Semel Peter e Chardonnay élévé en fût de chêne, merita la stessa cura e attenzione, sia in cantina che in vigna. La nostra azienda ha reputazione di alta qualità, conquistata in anni di duro impegno e che ogni giorno ci impegnamo a mantenere. Il giudizio di Wine Spectator mi rende doppiamente felice proprio perchè si tratta di un base e perchè tengo alto il valore dellamia terra». 

Le riconferme d’eccellenze per il 2017

Il Gambero Rosso ha assegnato tre bicchieri allo Chardonnay élévé en fût de chêne; per Slow Food invece il Petite Arvine è un Grande Vino e infine Bibenda ha asseganto i 5 Grappoli a Le Prissionier.  Nel mese di febbraio, Wine Spectator aveva selezionato Lo Chardonnay élévé en fût de chêne 2013 tra i 100 migliori vini d’Italia.

Il vino premiato dalla rivista americana

Il Torrette Supérieur è uno vino autoctono, regolato dal disciplinare DOC DOP, ricavato da uve Petit Rouge, Cornalin, Fumin e Mayolet; è tra i più prodotti e diffusi in Valle. L’annata 2014 in particolare, è caratterizzata da equilibrate note di ciliegia e di fragola, con buona sapidità e un ottimo bilanciamento tra acidità e zuccheri; lascia in boca una leggera nota tannica, favorita dall’affinamento in barrique francese. Queste caratteristiche hanno fatto valere al vino il punteggio molto alto dei giudici di Wine Spectator.  Nella foto, Giorgio Anselmet, titolare di Maison Anselmet. (c.t.)

 

Condividi

ULTIME NEWS