Pubblicato il

Appello: «non mi arrendo, aiutatemi a ritrovare Naife»

Secondo la sua proprietaria Katia Galbiati, il levriero afgano femmina è stato sottratto un anno fa a Ollomont

Appello: «non mi arrendo, aiutatemi a ritrovare Naife»

E’ passato un anno – era il 10 settembre 2016 – dalla scomparsa di Naife, il levriero afgano femmina smarrito o sottratto a Ollomont. La sua proprietaria Katia Galbiati torna a fare un appello; è convinta che la sua Naife che il 30 agosto ha compiuto due anni, sia stata sottratta.«Il suo aspetto potrebbe essere diverso dalle foto di un anno fa, potrebbe avere il mantello lungo come il classico levriero afgano, oppure potrebbe averlo sporco o intrecciato. Nessuno ha avvistato il cane, il suo corpo non è stato rinvenuto – spiega. Anche se non si fanno avvicinare, i cani impauriti o vagabondi vengono avvistati, invece sembra che Naife si sia dissolta nel nulla. Non mi arrendo, rivoglio a casa la mia Naife».Su Gazzetta Matin in edicola lunedì 11 settembre, ulteriori dettagli. Uno scatto di Naife di un anno fa; il cane potrebbe aver decisamente cambiato aspetto.(re.newsvda.it)

 

ULTIME NOTIZIE