Pubblicato da Erika David il

Tradizioni, da domani in edicola il 107° Messager Valdôtain

L'almanacco espressione di una cultura e dello spirito di una comunità sarà acquistabile a partire da mercoledì 7 dicembre a 18 euro

Tradizioni, da domani in edicola il 107° Messager Valdôtain

«Parlare del Messager Valdôtain significa parlare della storia della Valle d’Aosta. Un almanacco che va oltre la raccolta degli episodi della vita quotidiana, che è anche approfondimento, cultura, uno strumento utilizzato spesso anche per le ricostruzioni storiche di un periodo». Così il presidente della Regione Laurent Viérin parla dell’ultima edizione del Messager Valdôtain, il numero 107, in edicola a partire da domani, mercoledì 7 dicembre.

Un album dei ricordi, uno strumento di ricerca e approfondimento e una sorta di oracolo per le previsioni meteo legate agli studi sulle fasi lunari «che ormai in pochi in Valle d’Aosta sanno ancora fare».

Oltre ai tradizionali appuntamenti con il Concours Cerlogne, la Rencontre Valdôtaine e la Festa della Valle d’Aosta, l’almanacco 2018, spiega il suo redattore Luigi Calderola, dedica spazio ai 50 anni dell’Association de Préhistoire et d’Archéologie, dell’Association Augusta e del Centre d’Études francoprovençales, e ancora ai 60 anni del Gruppo folkloristico di Gressoney e i 70 anni del Corpo di Sorveglianza del Parco Nazionale Gran Paradiso.

Pagine speciali sono dedicate al ricordo di personalità di spicco della Valle d’Aosta come monsignor Ovidio Lari, vescovo per 26 anni della Diocesi di Aosta, e il dottor Umberto Parini, luminare della chirurgia bariatrica, scomparsi entrambi dieci anni fa, o il professor Robert Berton, difensore del patrimonio artistico ed etnografico valdostano, di cui nel 2018 ricorrono i 20 anni della scomparsa.

Un approfondimento sarà dedicato ai cento anni dalla conclusione della Grande Guerra e all’industrializzazione del fondo Valle di inizio Novecento.

«In queste pagine ritroviamo il nostro microcosmo fatto di comuni, villaggi e parrocchie, da qui emerge lo spirito della nostra comunità» sottolinea il presidente del Consiglio Valle, Andrea Rosset.

L’almanacco, stampato in circa 11 mila copie, è in edicola con il calendario, e le sue suggestive immagini della Valle d’Aosta vista dalla mongolfiera, e l’agenda 2018, a 18 euro.

(erika david)

 

Condividi