Pubblicato da Luca Mercanti il

Viticoltura eroica, a Quart la prima edizione di Enovitis Extrême

Viticoltura eroica, a Quart la prima edizione di Enovitis Extrême

 

Si svolgerà a Quart il 19 luglio 2018 la prima edizione di Enovitis Extrême. Lo comunica l’assessorato regionale all’Agricoltura.

L’evento, dedicato alle tecnologie per la coltivazione dei vigneti eroici in alta quota, è organizzato dall’Unione Italiana Vini in collaborazione con il Centro di ricerca per la viticoltura di montagna (CERVIM), il supporto dell’Associazione dei viticoltori della Valle d’Aosta VIVAL, ed è patrocinato dalla Regione autonoma Valle d’Aosta.

«È un vero onore – commenta Hervé Grosjean, socio della storica Società Agricola Grosjean che accoglie l’iniziativa sui propri spazi – e un privilegio per la nostra azienda ospitare la prima edizione di un evento di livello internazionale  nel nostro vigneto ‘Rovettaz’ (foto). Per poter far conoscere la viticoltura valdostana e questo meraviglioso territorio, anche dal punto di vista gastronomico, questo evento sarà un ottimo biglietto da visita e un’occasione da sfruttare appieno. Ringrazio perciò VIVAL e il suo presidente Stefano Celi per aver reso possibile la nostra partecipazione».

«Mantenendo l’impostazione di Enovitis in Campo, anche in Valle d’Aosta avremo una manifestazione dinamica ed itinerante, con prove sul campo e dimostrazioni con attrezzature e macchinari specifici per il settore eroico», dichiara l’assessore regionale all’Agricoltura e risorse naturali, Alessandro Nogara.

Coltivazione eroica

«Tratteremo una tipologia di coltivazione detta ‘eroica’ proprio perché praticata in territori estremi, difficile anche dal punto di vista tecnologico in quanto servono attrezzature e macchinari dedicati che non avevano mai avuto una loro vetrina di promozione e presentazione al mondo vitivinicolo. Enovitis Extrême ha un valore che va oltre l’importante aspetto promozionale e di facilitazione dell’incontro tra l’offerta dell’industria e la viticoltura di montagna: vuole essere un luogo dove lanciare anche un messaggio culturale alla politica e alle istituzioni sulla necessità di salvaguardare, tutelare e valorizzare questo settore dell’enologia. Una viticoltura che costituisce per il nostro Paese uno straordinario patrimonio che coniuga qualità produttiva con vini dalla forte identità, valorizzazione dell’ambiente e tutela delle comunità», spiega Ernesto Abbona, presidente di Unione Italina Vini.

Esprimono soddisfazione i partner coinvolti nell’iniziativa. In un ambiente estremo – dice  Roberto Gaudio, Presidente CERVIM – come quello di montagna, uno dei principali problemi per le aziende è rappresentato dai costi per la conduzione dei vigneti e questi sono decisamente più elevati rispetto alle zone vinicole ‘convenzionali’. Trovare nuove soluzioni innovative e tecnologiche, contribuisce a facilitare il lavoro dei viticoltori eroici e ad abbattere una parte di questi costi. La collaborazione fra il CERVIM, l’Unione Italiana Vini e l’Associazione viticoltori della Valle d’Aosta, va nella direzione da noi auspicata: fare sistema e elevare l’attenzione verso questo tipo di viticoltura, insieme al mondo della ricerca, dell’innovazione e delle aziende di meccanica applicata»

« In Valle d’Aosta – afferma Stefano Celi, presidente di VIVAL – da sempre la viticoltura eroica trova la sua massima espressione. Qui la coltivazione dei vigneti ha necessità particolari per la, seppur minima, meccanizzazione e siamo quindi onorati di ospitare sul nostro territorio l’evento oltre che soddisfatti nel vedere lanciata finalmente una manifestazione dedicata a questa particolare tipologia di viticoltura».

(re.newsvda.it)

Condividi

ULTIME NEWS