Pubblicato da Luca Mercanti il

Aperte le iscrizioni ai centri estivi del Comune di Aosta

Aperte le iscrizioni ai centri estivi del Comune di Aosta

Sono aperte le iscrizioni ai centri ludico-sportivi estivi del comune di Aosta. Lo comunica la stessa amministrazione del capoluogo regionale.

I turni e orari

I turni andranno dal 2 luglio al 31 agosto. I Centri ludico-sportivi si rivolgono ai minori di età compresa tra i 3 e i 12 anni, e saranno suddivisi, come da tradizione, in due tipologie, centri a frequenza giornaliera, con orario dalle ore 8,30 alle ore 17,30, e centri a frequenza solo mattutina, con orario dalle ore 8,30 alle ore 12,30. Per entrambe le tipologie è prevista la possibilità di arrivo anticipato e di uscita posticipata dei bambini.

Nei centri a frequenza giornaliera saranno garantiti la colazione all’arrivo dei bambini nelle strutture e successivamente il pranzo e la merenda; nel centro con frequenza solo mattutina sarà fornito ai bambini la colazione.

Iscrizioni

Le iscrizioni possono essere effettuate nella sede di Aosta della cooperativa sociale “Leone Rosso” (che gestisce il servizio nell’ambito dell’Associazione Temporanea di Impresa con Vivenda SpA, Cascina Global Service Srl e V.I.T.A.) in piazza Mazzini, angolo viale Garibaldi, nei giorni di lunedì e mercoledì dalle ore 15 alle ore 17. Il modulo di iscrizione può essere scaricato dal sito www.leonerosso.eu .

Costi

Per quanto riguarda le quote di iscrizione, il costo di ogni turno settimanale dei centri con frequenza giornaliera è di 145,50 euro; ciascun turno del centro con frequenza mattutina, invece, avrà un costo di 57 euro. Sono previsti sconti per le famiglie che iscrivono il secondo figlio, tre o più minori o per famiglie che iscrivono minori per più turni fino al costo, rispettivamente, di 102,50 euro e 40,50 euro nel caso di frequenza per otto settimane..

Contribuzione del Comune di Aosta

Al fine di agevolare le famiglie e favorire l’accesso al servizio, l’Amministrazione comunale ha previsto una contribuzione alle tariffe-utenti da elargire direttamente alle famiglie in base all’ISEE. In particolare, per i centri giornalieri sono previsti rimborsi parziali di 76 euro a turno settimanale per fasce ISEE sino a 7.000 euro che diventano 61 euro nel caso di fasce ISEE tra 7.000,01 a 9.000 euro, fino a 39 euro per fasce ISEE tra 9.000,01 e 12.000 euro.

Per i centri ludico-sportivi mattutini il rimborso sarà di 21 euro a turno settimanale per fasce ISEE sino a 12.000 euro.

La domanda di richiesta di rimborso dovrà essere presentata a partire dal 9 luglio 2018 e fino al 15 dicembre 2018 unitamente a una dichiarazione ISEE in corso di validità, alle coordinate IBAN per il pagamento, al Codice Fiscale del richiedente e del/i minore/i e alla copia della ricevuta di pagamento del Centro ludico-sportivo – nella sede dello sportello “amicoinComune” dal lunedì al sabato con il seguente orario: lunedì, martedì e mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 14; giovedì dalle ore 8,30 alle ore 15; venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,30 e sabato dalle ore 9,30 alle ore 12.

Per eventuali ulteriori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Pubblica Istruzione ai numeri 0165-300.440/340/564, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 16, oppure consultare il sito www.amicoincomune.it, sezione “Cittadini”, scheda n. 6 “centri ludico-sportivi”, direttamente raggiungibile all’indirizzo http://www.amicoincomune.it/web/index.php/ita/scheda/6/cittadini.

“Anche quest’anno – commenta l’assessore all’Istruzione, Andrea Edoardo Paron – i bambini di Aosta avranno l’opportunità di frequentare un valido programma di attività sportive e laboratoriali durante i mesi estivi, e questo nonostante la difficoltà, per l’Amministrazione comunale, di coniugare la volontà di garantire un servizio che riteniamo di estrema importanza con le risorse disponibili. In questo senso la nostra preoccupazione primaria è andata alle fasce economicamente più deboli della popolazione, così come al perseguimento dell’obiettivo dell’inclusione sociale e della non discriminazione della disabilità nella frequenza della proposta formativa e ricreativa dei centri”.

(re.newsvda.it)

Condividi

ULTIME NEWS