Pubblicato il

Corecom VdA, nuove funzioni a servizio di cittadini e aziende

Corecom VdA, nuove funzioni a servizio di cittadini e aziende

La nuova convenzione stabilisce maggiori funzioni a servizio dei cittadini. In arrivo anche assunzioni

Nuove funzioni spetteranno al Corecom della Valle d’Aosta; a stabilirlo, la convenzione sottoscritta il 2 maggio dai presidenti di Agcom, Regione Valle d’Aosta e Corecom, a completamento del nuovo accordo quadro per il conferimento e l’esercizio della delega di funzioni ai Comitati regionali per le comunicazioni firmato nel novembre del 2017.

La nuova convezione stabilisce che il Comitato di Corecom VdA, presieduto da Enrica Ferri, non opererà più solo a livello di conciliazione tra utenti e gestori di telefonia, ma parteciperà attivamente anche nella definizione delle controversie tra utenti e gestori della telefonia e della pay-tv, nella gestione del Roc, Registro degli operatori di comunicazione, nella vigilanza sul rispetto delle norme in materia di attività radiotelevisiva locale e nella progettazione di nuove forme di tutela dei minori.

<<Offriremo così un ulteriore servizio ai cittadini e alle aziende, che sempre più si rivolgono a noi in seguito ad una maggiore presa di coscienza del nostro importante ruolo – ha spiegato Ferri-. Garantiremo la separazione tra la funzione di conciliazione e quella di definizione delle controversie e, nell’ambito di quest’ultima, tra competenze istruttorie e decisorie. Per quanto riguarda il Roc, ci occuperemo delle iscrizioni e dell’aggiornamento delle posizioni all’interno del Registro, ma anche del rilascio delle certificazioni attestanti la regolare iscrizione>>.

Corecom VdA vigilerà anche sul rispetto delle norme in materia di esercizio dell’attività radiotelevisiva locale monitorando le trasmissioni di emittenti private e delle concessionarie pubbliche per la diffusione regionale, <<concentrandoci soprattutto sul rispetto delle minoranze linguistiche e dei minori – ha precisato Ferri – . Promuoveremo anche nuove iniziative rivolte all’educazione all’uso corretto dei media tradizionali e dei new media, rivolti sia ai minori sia agli anziani>>.

Per erogare i nuovi servizi ai cittadini, il Corecom adotterà nuovo personale attingendo dalle graduatorie regionali in corso di validità (un C2 e un B2) e provvederà alla loro adeguata formazione.

<<Sono molto soddisfatta – ha concluso Ferri – si tratta di un grande risultato, soprattutto per la popolazione valdostana che avrà una maggior tutela nell’ambito delle comunicazioni>>.

(na.bl.)

Condividi