Pubblicato da Cinzia Timpano il

Aosta: Paesani rinuncia, Cossard in Consiglio comunale

Nel Consiglio del 25 e 26 luglio, la surroga dei consiglieri eleti in Consiglio regionale; la commercialista aostana (UV) ha formalmente rinunciato, inviando comunicazione al presidente del Consiglio comunale Michele Monteleone; in Consiglio siederanno anche Lorenzo Aiello e Alessandra Addario.

Aosta: Paesani rinuncia, Cossard in Consiglio comunale

Non sarà Federica Paesani a fare il suo ingresso nel Consiglio comunale di Aosta tra le fila dell’Union Valdôtaine (al posto del già assessore Marco Sorbara, sbarcato a place Deffeyes dopo le elezioni regionali del 20 maggio scorso, ndr), nell’assemblea convocata per mercoledì 25 e giovedì 26 luglio nella quale è prevista la surroga dei consiglieri eletti in Consiglio regionale Nicoletta Spelgatti, Andrea Manfrin e Sorbara appunto.

La commercialista e revisore legale aostana classe ’72 ha rinunciato, comunicandolo ufficialmente ieri pomeriggio, martedì, al presidente del Consiglio comunale Michele Monteleone. Dopo averci pensato un po’, la professionista del capoluogo – che alle elezioni comunali aveva ottenuto ben 332 preferenze, ha deciso «di non assumere l’incarico di consigliere comunale di Aosta».

Dopo di lei, il più votato, con 284 voti, era stato il professor Guido Cossard, attualmente dirigente all’istituzione scolastica Saint-Roch di Aosta e già ‘volto noto’ in Consiglio comunale nella giunta Giordano (2010-2015) come vice presidente del Consiglio comunale e, precedentemente, assessore all’Innovazione Tecnologica, Istruzione e Cultura e Sport ma anche ai Lavori Pubblici e Urbanistica. «Devo ancora sbrigare la formalità burocratiche, ma accetterò di assumere l’incarico di consigliere comunale con piacere» – ha commentato il professor Cossard. Nel prossimo Consiglio comunale, Lorenzo Aiello e Alessandra Addario prenderanno il posto di Nicoletta Spelgatti e Andrea Manfrin, attualmente presidente della Regione la prima e consigliere regionale il secondo.
Nella foto, Federica Paesani e Guido Cossard.
(cinzia timpano)

Condividi