Pubblicato il

Consiglio Valle: approvate all’unanimità tre mozioni e una risoluzione

Sugli "acquisti verdi", il trasporto pubblico, il personale del reparto di psichiatria e la casa circondariale

Consiglio Valle: approvate all’unanimità tre mozioni e una risoluzione

Approvate dal Consiglio regionale tre mozioni e una risoluzione sugli “acquisti verdi”, il trasporto pubblico su gomma, il personale medico del reparto di psichiatria e la casa circondariale di Brissogne.

Gli “acquisti verdi”

Nel corso della seduta pomeridiana di ieri l’Assemblea valdostana ha discusso tre mozioni, presentate congiuntamente dai gruppi Movimento 5 Stelle e Impegno Civico. Tutti e tre i provvedimenti sono stati approvati all’unanimità.

Indirizzare la scelta, nelle procedure di acquisto, su prodotti, beni e servizi a ridotto impatto ambientale, meno inquinanti e meno dannosi per la salute, ovvero i cosiddetti “Acquisti Verdi”: è stato questo lo scopo della prima mozione. Il provvedimento è stato illustrato dalla consigliera Maria Luisa Russo (M5S), e, così come emendato in Aula su proposta dell’Assessore alle opere pubbliche, Stefano Borrello, impegna la Giunta regionale a predisporre un gruppo di lavoro per valutare le politiche attuali e alla luce del quale predisporre un piano di azione per gli Acquisti Verdi, anche al fine di orientare e sensibilizzare l’attenzione degli Enti locali in questa direzione. La mozione impegna anche a monitorare l’impiego e l’attuazione degli Acquisiti Pubblici Verdi nelle procedure d’appalto da parte della pubblica Amministrazione.

Trasporto pubblico su gomma

Il Consiglio Valle ha quindi trattato con la seconda mozione il trasporto pubblico locale su gomma. Il testo, illustrato dal Consigliere Luigi Vesan (M5S), è stato emendato in Aula su proposta dell’Assessore ai trasporti, Claudio Restano; è volto ad impegnare il Governo regionale a predisporre un “biglietto unico elettronico”, fruibile mediante una app smartphone e altri strumenti tecnologicamente all’avanguardia, che possa gestire anche orari di transito e prenotazioni, nonché abbonamenti e/o tariffe agevolate, anche attraverso i metodi di pagamento più evoluti senza contatto, e che consenta la futura implementazione per il pagamento di ulteriori servizi di trasporto pubblico o condiviso.

Il personale medico del reparto di psichiatria

La terza mozione ha riguardato il personale medico presso il reparto di psichiatria dell’ospedale Parini di Aosta, atteso che, come affermato dalla Consigliera Maria Luisa Russo (M5S) nell’illustrazione, «sono previsti 9 dirigenti medici e 3 dirigenti psicologi, ma sono in forza 6 dirigenti medici». A seguito di un dibattito e della proposta di emendamenti da parte dell’Assessore alla sanità, Chantal Certan, l’iniziativa impegna la Giunta regionale a riferire alla Commissione consiliare competente gli esiti dei provvedimenti assunti da parte dell’azienda USL nei tre mesi successivi alla presente mozione.

La casa circondariale di Brissogne

All’unanimità è stata votata anche una risoluzione, depositata in Aula nella giornata odierna dai gruppi Impegno Civico e Movimento 5 Stelle in merito alla situazione della casa circondariale di Brissogne, con particolare riguardo al Direttore e al Comandante di Polizia penitenziaria.Il testo, come illustrato dalla Consigliera Chiara Minelli (IC), prende spunto dai numerosi avvicendamenti negli ultimi anni, che, di fatto, hanno impedito una gestione più continuativa della struttura, generando disagi sia per il personale sia per i detenuti oltre che per tutti gli operatori che, a vario titolo, si occupano di attività di volontariato e sostegno.Il provvedimento è stato emendato dai proponenti a seguito di un dibattito, durante il quale la Presidente della Regione, Nicoletta Spelgatti, ha spiegato che sono state messe in atto tutte le procedure: l’iniziativa impegna quindi il Presidente e il Governo regionale a continuare nelle attività di collaborazione presso gli organi competenti per richiedere la tempestiva nomina del Direttore e del Comandante della Polizia penitenziaria presso il carcere di Brissogne, riferendo al Consiglio entro la fine del mese di novembre prossimo gli esiti di tali incontri.

(re.newsvda.it)

Condividi

ULTIME NEWS