Posted on

Aosta:

Aosta:

Il sindaco Bruno Giordano attacca:

Torna ad alzare la voce il sindaco di Aosta, Bruno Giordano, in risposta a una mozione presentata da PD, PSI, Alpe e Sinistra per la Città, che chiedeva una maggiore condivisione in materia di regolamentazione dei tributi, nonché chiarimenti sulla mancata introduzione di esenzioni , o il calcolo del tributo legato ai parametri ISEE. «Ai comuni tocca sempre fare la parte degli esattori – attacca il primo cittadino -. Che la TARES fosse più pesante della TARSU, era cosa ben nota, ma d’altronde con l’abolizione dell’IMU i soldi dovevano rientrare sotto mentite spoglie. Ciò che è stato tolto con l’IMU, è stato reinserito con l’addizionale alla TARES di 30 centesimi a metro quadro. Noi, come comune, non abbiamo caricato un centesimo; ci siamo solo impegnati a riscuotere soldi che non transitano nemmeno per le nostre casse, ma prendono direttamente la strada di Roma. I Comuni non avevano molti margini di manovra in questo ruolo di esattoria dello Stato. Chiedo comunque scusa ai cittadini, anche se non era un ruolo che mi aspettava direttamente, avrei dovuto vigilare in maniera più attenta sulla scarsa chiarezza della lettera inviata alla cittadinanza da parte degli uffici. In questo modo avremmo evitato alcuni errori». Il primo cittadino continua evidenziando alcuni aspetti: «Rimaniamo il capoluogo di Regione con la più bassa tassazione in Italia – esclama -. I servizi sono ancora vicini all’eccellenza e siamo nella top ten per servizi forniti ai cittadini. Insomma, si guarda sempre alla cose che non vanno. Comunque, posso assicurare che prenderemo tutto il tempo necessario per l’approvazione della TARI (una parte del tributo IUC) e, di conseguenza per stilare il Bilancio».
(al.bi.)

Condividi

LAST NEWS
GLI APPUNTAMENTI DELLA SETTIMANA IN VALLE D’AOSTA

GLI APPUNTAMENTI DELLA SETTIMANA IN VALLE D’AOSTA


MARTEDÌ 18 GENNAIO AOSTA - Il cinéma de la Ville proietta, alle 16, 18.45 e 21.30, la pellicola...

Posted by on