Pubblicato il

Calcio: contro il Rimini il VdA pronto a far esordire Mirko Miceli

Calcio: contro il Rimini il VdA pronto a far esordire Mirko Miceli

Il difensore è arrivato dal Varese, in uscita Varricchio e Ropolo; il presidente Filippella: «Capienza troppo bassa al Comunale, se non si arriva a 650 posti non otterremo la deroga dalla Lega Pro»

Mancherà soltanto lo squalificato Emiliano (Nocciola, oggi febbricitante, è in dubbio) nel Vallée d’Aoste che domani ospiterà al Cerutti di San Giusto il Rimini in un match che può essere lo spartiacque della stagione dei valdostani. Contro i romagnoli di Luca D’Angelo, i granata devono conquistare i tre punti per evitare che il gruppo di inseguitrici accorci le distanze e li trascini nuovamente nelle sabbie mobili della bassa classifica.
Dopo la rifinitura di sabato mattina sul sintetico di Roisan, Benito Carbone pare intenzionato a partire con un 3-4-3 che potrebbe prevedere l’esordio in difesa del neo acquisto Mirko Miceli, classe ’91 proveniente dal Varese, che sarà chiamato con i compagni di reparto a mettere la museruola a Riccardo Taddei, pericolo pubblico numero uno. In attacco l’unico a essere sicuro del posto dovrebbe essere Kanouté: Temelin e Sinato si contendono il posto di ariete centrale; Cuneaz, Esposito e De Vincenziis quello di secondo fantasista al fianco del talento di proprietà del Benevento.
Tornando al mercato, Matteo Varricchio è passato al Flaminia Civita Castellana, mentre è ben avviata la trattativa con il Gavorrano per lo scambio tra il difensore classe ’93 Paolo Ropolo e il centrocampista classe ’92 Mattia Rolando.
In casa Rimini, mister D’Angelo avrà a disposizione l’attaccante Francesco Morga al quale la giustizia federale ha accolto il ricorso contro la squalifica di due mesi per l’affaire-Biellese.
Domani si comincerà alle 14.30: fischio d’inizio di Ivan Magnani di Frosinone.
Quella contro il Rimini potrebbe non essere l’ultima gara dei granata al Cerutti di San Giusto. «Non credo che riusciremo a salire a St-Christophe – ammette il presidente Filippo Filippella (foto) – perché mancano dei documenti. In particolare la commissione di pubblico spettacolo l’ultima volta che si è riunita ha stabilito che la capienza del Comunale sia di 424 posti, dato insufficiento a farci dare la deroga dalla Lega Pro. Abbiamo già chiesto all’assessore Luca Zuccolotto se rimuovendo i seggiolini e riconvocando la commissione si può arrivare a 650, cifra che ci permetterebbe di ottenere l’ok della Figc. Stiamo ora aspettando una risposta da parte dell’amministrazione; in caso di responso negativo, ci muoveremo con Aosta, dove al Puchoz c’è bisogno di mettere a norma soltanto l’impianto di illuminazione. Potremmo anche decidere di farlo noi, ma prima dovremmo comunque ottenere l’autorizzazione a utilizzare l’impianto cittadino già per le gare di quest’anno. Se no se ne riparlerà per la prossima stagione».
(davide pellegrino)

Condividi

ULTIME NEWS
Ispettorato del lavoro di Aosta, Lanièce chiede conto della carenza di personale

Ispettorato del lavoro di Aosta, Lanièce chiede conto della carenza di personale


Il senatore valdostano ha presentato un'interrogazione al ministro Andrea Orlando...

Pubblicato da il