Posted on

L’Uvp dice no al governo delle larghe intese ma sì alla presidenza del Consiglio all’opposizione

L’Uvp dice no al governo delle larghe intese ma sì alla presidenza del Consiglio all’opposizione

Il movimento progressista fa sapere: «non siamo sul mercato. La presidenza del Consiglio alla minoranza è un'altra cosa»

L’Union valdôtaine progressiste dice no alla possibilità di formare un governo regionale di larghe intese, tra maggioranza e opposizione, per garantire la governabilità. Ma apre alla presidenza del Consiglio. Fa sapere Laurent Viérin via twitter: «Una cosa è l’apertura sulla presidenza del Consiglio all’opposizione un’altra cosa è barattare questo per l’appoggio al Governo regionale».
Ribadiscono i vertici a chiare lettere: «All’ipotesi di sostegno al governo, senza indugi e nessuna esitazione, diciamo chiaramente no. Una ipotesi avanzata da chi, oggi, dopo aver condotto una campagna prepotente, di violenti attacchi personali, di promesse, di ricatti e di minacce, di ricerca del consenso con ogni mezzo, di posti di lavoro e di illusioni, vorrebbe un grande “embrassons-nous”, con l’unico obiettivo di mantenere a tutti i costi il potere, per paura di perderlo. Ebbene, noi rifiutiamo categoricamente questo grande “inciucio” e, ancora una volta, diciamo che le nostre idee, i nostri principi ed i nostri valori non sono in vendita, neppure per dei posti di potere. Una ipotesi che, tra l’altro, mortificherebbe il nostro progetto di cambiamento della Valle d’Aosta e tradirebbe la volontà degli elettori, che ci hanno sostenuti come alternativi a questo sistema».

Condividi

LAST NEWS