Posted on

«In otto anni, dimezzato l’inquinamento di Aosta»

«In otto anni, dimezzato l’inquinamento di Aosta»

Sono stati presentati tre nuovi mezzi elettrici per trasportare le merci nel centro storico

Ridurre l’impatto ambientale dei mezzi diesel nelle strette vie del centro storico di Aosta. Questo lo scopo del progetto ‘Merci a impatto zero’, presentato oggi in piazza Chanoux. Ad illustrare i dettagli, in una fredda piazza Chanoux, sono stati gli assessori comunali Stefano Borrello (Mobilità) e Delio Donzel (Ambiente), insieme alla collega regionale Manuela Zublena e all’ingegnere del Politecnico di Verrès Silvaghi. I mezzi, tre furgoni elettrici Kangoo Express Z.E. a emissioni zero, hanno una autonomia di 160 km; si ricaricano in 8 ore ed avranno il compito di ridurre ulteriormente il già limitato impatto sull’ambiente dei mezzi del CityPorto, utilizzati per la consegna delle merci nel centro storico, nonché di integrare il numero di veicoli in vista dell’aumento considerevole delle consegne previsto in occasione del periodo delle festività. «Rispetto a otto anni fa – ha spiegato l’assessore all’Ambiente Delio Donzel – l’inquinamento in città si è dimezzato e con questi mezzi faremo un ulteriore passo in avanti»; l’assessore regionale Manuela Zublena ha sottolineato che «si interviene sui mezzi diesel perché sono una fonte rilevante di inquinamento che difficilmente riesce a disperdersi nelle strette vie del centro». L’assessore Borrello ha invece illustrato gli effetti del progetto dopo la prima fase di inevitabile disagio annunciando anche che, in base al successo dell’iniziativa, si potrà progettare nel futuro anche furgoni attrezzati per la consegna del fresco: «CityPorto non è l’unico mezzo di approvvigionamento all’interno del centro storico – ha precisato Borrello – ma una valida alternativa, esiste una fascia mattutina libera dalle 7 alle 8, una fascia più larga legata al progetto, e parallelamente, un ampliamento delle zone di carico e scarico su tutto il territorio comunale in modo da garantire una percorrenza di massimo 200 metri dalla propria attività quindi i commercianti hanno tre possibilità per rifornire i propri esercizi».
(andrea manfrin)

Condividi

LAST NEWS