Posted on

Polizia: controlli nelle strutture ricettive per le ‘schedine’ telematiche

Polizia: controlli nelle strutture ricettive per le ‘schedine’ telematiche

Diffidato un albergo di Cervinia che non ha ancora adempiuto all'obbligo di legge nel comunicare i nomi degli ospiti della struttura via web

Primi controlli nelle strutture ricettive della regione, per verificare gli adempimenti al recente decreto del ministero dell’Interno che ha stabilito l’obbligatorietà ed esclusività della trasmissione della comunicazione relativa alle persone alloggiate, con mezzi informatici e telematici attraverso il portale istituto dal Centro Elettronico Nazionale della Polizia di Stato, https://alloggiatiweb.poliziadistato.it.
Primi controlli e prima diffida, visto che un albergo di Cervinia è stato ammonito, una volta verificata la possibilità tecnica di comunicazione informatica.
Al momento, nel bel Paese, sono circa 600 le strutture ricettive già collegate telematicamente.
La mancata adesione alla procedura informatica costituisce una violazione dell’obbligo sancito dall’articolo 109 del TULPS, testo unico delle leggi sulla pubblica sicurezza; è prevista una sanzione amministrativa da 500 a 3 mila euro e possibili misure accessorie che possono arrivare anche alla revoca delal licenza.
Le strutture che non hanno ancora ottemperato all’obbligo di comunicare per via telematica i nominativi degli ospiti alloggiati devono mettersi in contatto con la questura, 0165-279478. E’ possibile scaricare il modulo per la richiesta di attivazione al portale ‘alloggiatiweb’ dal sito della questura di Aosta, http://questure.poliziadistato.it/aosta.
(c.t.)

Condividi

LAST NEWS