Posted on

Sciopero della sanità, Cittadinanza Attiva chiede attenzione verso i malati

Sciopero della sanità, Cittadinanza Attiva chiede attenzione verso i malati

In una nota chiede all'Usl di non far saltare prestazioni e interventi chirurgici tout court ma di riprogrammarli in tempi brevi per non causare disagi eccessivi

Cittadinanzattiva, in vista dello sciopero annunciato per il 22 luglio dai dirigenti della sanità pubblica di quattro ore e delle agitazioni che lo precederanno, chiede, in una nota inviata all’Usl e ai sindacati, l’impegno a ricalendizzare le prestazioni programmate e non effettuate; sia fornita adeguata comunicazione ai cittadini sullo sciopero e le modalità di riprogrammazione delle prestazioni; a riprogrammare le prestazioni di diagnostica, specialistica e di day surgery non effettuate nei successivi 7 giorni; a effettuare gli interventi programmati che non saranno svolti entro 15 giorni salvo i casi non rinviabili per i quali chiediamo che non vengano sospesi; a impegnare le risorse economiche inutilizzate per il pagamento delle ore non lavorate dai professionisti per garantire il diritto alla cura dei cittadini».
(Foto: Giovan Battista De Gattis, rappresentante di Cittadinanzattiva – Tribunale per i Diritti del Malato della Regione Valle d’Aosta)
re.newsvda.it

Condividi

LAST NEWS