Posted on

Beni culturali: nessuna data per la riapertura del castello di Saint-Pierre

Beni culturali: nessuna data per la riapertura del castello di Saint-Pierre

Lo ha detto in aula l'assessore all'agricoltura Renzo Testolin, mancano tre milioni di euro per l'allestimento interno

«I lavori del primo lotto hanno permesso la messa in sicurezza del castello di Saint-Pierre, hanno comportato una spesa di 3.300.000 e sono stati ultimati l’anno scorso. Il secondo lotto consiste nell’aggiornamento dell’allestimento museale all’interno,il costo stimato è di tre milioni di euro ma le attuali disponibilità finanziarie non permettono di procedere all’appalto. La Regione si è attivata per attingere a fondi europei». E’ quanto ha detto in aula consiliare l’assessore all’agricoltura Renzo Testolin, rispondendo a un’interpellanza del capogruppo di Alpe Patrizia Morelli.
Così Morelli nell’illustrazione: «Il castello di Saint-Pierre è sicuramente uno dei monumenti più suggestivi della regione. Insieme alla chiesa rappresenta un insieme architettonico di pregio e il museo di scienze naturali ne aveva fatto un polo di attrazione. Si parla di un progetto da 3.300.000 per mettere mano a una vera e propria ristrutturazione. Risale al 2006 la progettazione preliminare con il raddoppio dell’investimento, cifra difficilmente sostenibile. E’ chiuso ormai da dieci anni e ci chiediamo quale è lo stato dell’arte dei lavoro». Ha replicato Morelli: «E’ un edificio storico non solo importante per Saint-Pierre ma per tutta la rete del patrimonio culturale. Non vorrei diventasse altro emblema dell’inefficienza e della lentezza della macchina amministrativa. Non vorrei rimanesse un’opera inconclusa. Ridimensioniamo il progetto piuttosto per dare risposte in tempi rapidi. Torniamo con i piedi per terra».
(danila chenal)

Condividi

LAST NEWS