Posted on

Dal mondo imprenditoriale sette priorità per dare slancio all’economia

Dal mondo imprenditoriale sette priorità per dare slancio all’economia

Il documento congiunto firmato dai referenti delle diverse attività produttive della Valle sarà illustrato alla giunta in un incontro

Fondo di garanzia rotativo, proposte per un miglior scambio tra lavoro e scuola, sostituzione graduale tra giovani e pensionabili, miglior utilizzo delle risorse disponibili, chiarimento sui fondi di rotazione e mancata crescita dei tassi sui finanziamenti regionali, riforma dell’ateneo valdostano, sburocratizzazione delle pratiche.
Sono le sette priorità individuate dal mondo delle associazioni valdostane rappresentative delle attività produttive e riunite in un documento che sarà in seguito sottoposto all’attenzione della giunta regionale durante un incontro.
L’obiettivo è ridare slancio al sistema imprenditoriale valdostano che ha visto sommare alla congiuntura negativa anche una paralisi politica.
«Esprimiamo la nostra soddisfazione – spiega la portavoce delle associazioni, la presidente di Confindustria Monica Pirovano – per la fine di uno stallo politico che di fatto ha bloccato l’attività legislativa ed esecutiva di Consiglio regionale e Giunta. Ora però bisogna cercare di recuperare il tempo perduto senza ulteriori indugi. Quello che sottoporremo al presidente Rollandin e ai suoi assessori non è e non vuole essere un ‘cahier des doléances’. Tutt’altro. Attraverso l’individuazione di soluzioni o percorsi di miglioramento, esso vuole rappresentare una proposta costruttiva da cui partire per dare delle risposte concrete e immediate a chi produce ricchezza e occupazione in Valle d’Aosta. Caso più unico che raro, credo, tutto il mondo produttivo valdostano – ha aggiunto Pirovano – ha deciso in maniera compatta di individuare sette problematiche che, se risolte, consentiranno alla Valle d’Aosta di segnare un momento di svolta produttivo, occupazionale e sociale. E per meglio intendere la portata storica di questo documento, è bene ricordare che le associazioni che lo hanno redatto e approvato all’unanimità rappresentano 13.365 imprese, ossia 55.200 occupati, oltra a 4.326 liberi professionisti, in grado di produrre un PIL di 3.829,3 milioni di euro, il quale porta alle casse regionali, attraverso l’Irap, 76 milioni e 861.709 euro».
Il documento è redatto da Adava, Agci Valle d’Aosta, Confindustria Valle d’Aosta, Confcommercio Valle d’Aosta, CNA Valle d’Aosta, Confartigianato Valle d’Aosta, Associazione degli Artigiani della Valle d’Aosta, Coldiretti Valle d’Aosta, Fédération des Coopératives Valdôtaines, Legacoop Valle d’Aosta, Consulta delle Professioni della Valle d’Aosta e Rete Imprese Italia della Valle d’Aosta.
In foto Monica Pirovano, presidente Confindustria VdA
(e.d.)

Condividi

LAST NEWS
Ritrovare subito il sorriso, come? Scopri gli impianti fissi a carico immediato: 16 luglio OPEN DAY ad Aosta

Ritrovare subito il sorriso, come? Scopri gli impianti fissi a carico immediato: 16 luglio OPEN DAY ad Aosta


Scopri allo Studio Odontoiatrico del Sorriso di Aosta come recuperare in poche ore la totale...

Posted by on