Posted on

Casinò: una task force politica per salvare la Casa da gioco

Casinò: una task force politica per salvare la Casa da gioco

Passa all'unanimità in Consiglio Valle un ordine del giorno condiviso, via libera alla ricapitalizzazione con il solo voto della maggioranza Uv-Sa; il presidente Augusto Rollandin parla di ''operazione verità per il rilancio della struttura''

Dopo quasi due ore di sospensione della seduta del Consiglio Valle sull’ordine del giorno sulla casa da gioco di Saint-Vincent Union valdôtaine-Stella Alpina e le opposizioni – Alpe, M5S Pd-Svda e Uvp – trovano la quadra: sì alla task force politica (leggi un rappresentante per ogni gruppo consiliare) che starà con il fiato sul collo all’amministratore unico della Resort&Casinò Luca Frigerio e alla sua dirigenza. Se sul costituendo gruppo di lavoro c’è l’unanimità dell’aula sulla ricapitalizzazione da 60 milioni di euro della società, votata con appello nominale, le sfumature sono diverse: a favore gli alleati Uv-Sa, astenuti Alpe e Pd-Svda e contrario il M5S.
«Non abbiamo mai negato le difficoltà della casa. da gioco né abbiamo cercato attenuanti ma come proprietà dovevamo intervenire. Saluto con rispetto il clima di collaborazione» sottolinea l’assessore alle Finanze Ego Perron che riconosce le difficoltà di dialogo tra Casinò con il territorio e scandisce «la Regione interverrà in modo robusto per le dovute correzioni».
A tirare le fila il presidente della giunta Augusto Rollandin: «Gli investimenti fanno parte di un piano strategico votato dall’aula che puntava sull’alberghiero di lusso e noi andiamo a coprire l’investimento». Riconosce Rolalandin le criticità nella conduzione e concede: «è giusto che facciamo un approfondimento sui punti non esaustivi; facciamo insieme questa operazione verità e lavoriamo per rilanciare la casa da gioco. Oggi diamo un futuro ai dipendenti e alle famiglie». Ringraziano le minoranze per «l’operazione verità da fare tutti insieme», annunciata da Rollandin e si dicono pronte a dare indirizzi ed esercitare funzioni di controllo.
Nel documento di sintesi restano la conferma della revoca del premio per Luca Frigerio, la riduzione del 30% dei compensi di tutti i dirigenti; la predisposizione di un piano di crescita dettagliato, il recupero della produttività e p una riduzione dei costi, azioni concrete per garantire un raccordo continuo e costante con il territorio circostante
(danila chenal)

Condividi

LAST NEWS