Posted on

Metonimia, quando un esperimento diventa una sorprendente avventura

Metonimia, quando un esperimento diventa una sorprendente avventura

Oggi alle 18, all'Hôtel des Etats, l'inaugurazione della mostra fotografica di Fabrizio Falcomatà e Samuel Giudice in collaborazione con Nico Barbieri

Sono almeno una quarantina le persone che attendono con impazienza e curiosità l’inaugurazione della mostra Metonimia, in programma per oggi, venerdì 6 marzo, alle 18 all’Hôtel des Etats.
Le stesse che il 14 maggio di un anno fa sono entrate, con altrettanta curiosità, nello studio fotografico Stopdown di Fabrizio Falcomatà e Samuele Giudice, rispondendo a un invito misterioso pubblicato su Facebook.
Tutto si era risolto in pochi minuti, tempo di pensare a un simbolo rappresentativo di se stessi in quel momento, disegnarselo sul viso con una matita nera e sottoporsi ai flash di luce a led che illuminava da punti diversi il viso e il simbolo, immortalati dagli scatti dei due fotografi.
Metonimia, è nato così. Dall’evento creato dai fotografi Samuel Giudice e Fabrizio Falcomatà, in collaborazione con Nico Barbieri per testare nuove attrezzature di illuminazione a led, ma il risultato ottenuto è stato così sorprendente, a detta dei due fotografi, che meritava lavorarci ancora un po’ per creare un progetto compatto.
Nasce così la mostra Metonimia che sarà inaugurata oggi.
La mostra è il risultato della seduta fotografica e offre un’immagine dinamica della società contemporanea, con implicazioni non solo artistiche ed estetiche, ma anche sociologiche, psicologiche e antropologiche. Le fotografie in bianco e nero si caratterizzano per l’intensità espressiva e rivelano una gamma molto ampia di sentimenti, dalla serenità alla malinconia, dal dubbio alla sfida, dalla naturalezza divertita all’inquietudine.
La mostra rimarrà aperta fino al 24 maggio 2015. Ingresso gratuito.
A seguire dj set di Block Rockin’ Beats e Mo’ Bros al Café du Vélo.
In foto Alice, giovane modella per un pomeriggio
(erika david)

Condividi

LAST NEWS