Pubblicato il

Furto: ruba borsetta al Gros Cidac, sudamericano stangato

Furto: ruba borsetta al Gros Cidac, sudamericano stangato

Due anni a un 29enne residente a Torino; i fatti risalgono all'aprile 2014 nel parcheggio esterno del supermercato; la difesa ha già annunciato ricorso in appello: «La signora derubata non ha riconosciuto al 100% il presunto responsabile»

Una stangata. E’ stato condannato a due anni di reclusione, oltre al pagamento di 400 euro di multa, Edson Alfredo Roman Acuache, sudamericano di 29 anni residente a Torino.
Questa mattina era a giudizio davanti al giudice monocratico del Tribunale di Aosta, Davide Paladino, con l’accusa di furto aggravato. Nel mese di aprile del 2014, nel parcheggio esterno del supermercato Gros Cidac di Aosta, secondo la ricostruzione effettuata dal vpo Cinzia Virota, che aveva chiesto la condanna dell’imputato a un anno e quattro mesi di carcere e al pagamento di 1.000 euro di multa, Roman Acuache si sarebbe avvicinato a un’anziana intenta a caricare la spesa in auto.
A quel punto, distraendola facendo cadere un mazzo di chiavi per terra, avrebbe rubato dall’auto della donna la borsetta posata sul sedile lato passeggero, per poi darsela a gambe levate e salire su un’auto, una Fiat Stilo di colore grigia, alla cui guida c’era un’altra persona.
L’auto, individuata dalle telecamere dell’autostrada posizionate a Pont-St-Martin, fu rintracciata a fermata dai carabinieri a Ivrea, che sottoposero a controllo gli occupanti – tra cui il sudamericano di 29 anni residente a Torino – senza però rinvenire la borsetta rubata ad Aosta, verosimilmente gettata da qualche parte nel tragitto.
Il legale difensore dell’imputato, l’avvocato Alessandro Praticò del foro di Torino, ha insistito sull’assoluzione del suo assistito in quanto «la signora derubata ha dichiarato di non essere certa al 100%» che fosse proprio Roman Acuache colui che le prelevò la borsa dall’automobile.
Una linea difensiva che non ha convinto il giudice, forse anche per via dei numerosi precedenti specifici a carico dell’imputato. La difesa ha già annunciato che ricorrerà in appello a Torino.
(pa.ba.)

Condividi

ULTIME NEWS