Posted on

Lega Nord: nasce movimento giovanile identitario Jeune Vallée d’Aoste

Lega Nord: nasce movimento giovanile identitario Jeune Vallée d’Aoste

A fondarlo il giovane leghista Erik Lavy che si appella a tutti coloro i quali hanno a cuore i valori identitari

Prende le mosse dai valori identitari Jeune Vallée d’Aoste il rifondato movimento giovanile identitario della Lega Nord regionale. Alla sua guida il giovane consigliere comunale di Saint-Nicolas Erik Lavy, introdotto nella conferenza stampa di presentazione dalla consigliera comunaledi Aosta  Nicoletta Spelgatti. «Il progetto è stato fortemente voluto dalla Lega ma il movimento avrà una sua connotazione, sarà aperto a tutti coloro i quali si riconoscono nella cultura, nella storia, nella tradizione valdostana. In un mondo globalizzato la tradizione è il concetto dal quale ripartire per andare verso il futuro».

L’Aquila spazzerà i Leoni rampanti

Va all’attacco Lavy: «L’Union valdôtaine cita sempre Emile Chanoux ma non segue ciò che Chanoux predicava. Noi ci sentiamo eredi della cultura regionalista e federalista di Chanoux. Il sistema clientelare dell’Union sta uccedendo il popolo valdostano e noi lo combatteremo; vogliamo un cambio di mentalità affinché la Valle d’Aosta non muoia. Non sarà una lotta semplice ma l’aquila (è il simbolo del movimento) spazzerà i Leoni rampanti».

Jeunesse, fucina di assessori

A portare il saluto al neonato gruppo Pier Antonio Maculotti, presidente dell’associazione culturale Collezionisti valdostani: «sono uomo di pensiero libero e spero che la cultura sia riportata al posto giusto e non sia soffocata dalla politica». Il consigliere comunale Etienne Andrione (Gruppo misto) ha ricordato che «il ruolo di salvaguardare i valori identitari era un tempo affidato ai giovani unionisti ma oggi la Jeunesse è diventata una fucina di produzione di assessori regionali e neppure di qualità. Non faremo i salici piangenti ma prenderemo il proble di petto». Infine è intervenuto l’indipendentista Diego Lucianaz che ha lanciato l’appello ai giovani affinché «prendano le redini del loro futuro che oggi è in mano a irresponsabili che mortificano la millenaria cultura farncoprovenzale». (da.ch.)

Condividi

LAST NEWS