Posted on

Difesa civica: «strumento per collaborare, non un controllore di cui diffidare»

Difesa civica: «strumento per collaborare, non un controllore di cui diffidare»

Il difensore civico Enrico Formento Dojot analizza l'attività del 2013; nelle sue funzioni di garante per i diritti dei detenuti, ha trattato 72 casi, 70 dei quali già definiti

Non si è concretizzata neppure nell’anno 2013 (e neppure sino a oggi, ottobre 2014) l’auspicata istituzione del difensore civico nazionale; «a dire il vero i difensori civici hanno anche richiesto una legge quadro, considerato che ogni regione ha la sua legge» – ha commentato il difensore civico della Valle d’Aosta Enrico Formento Dojot, oggi, presentando i dati dell’attività svolta nell’anno 2013 per la difesa civica e in qualità di garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.
Formento Dojot si è detto molto soddisfatto per il fatto che 72 dei 74 comuni valdostani e le otto Comunità Montane hanno sottoscritto la convenzione per la difesa civica, «un servizio importante che significa mettersi in casa un collaboratore, non un controllore. Il difensore civico difende la legge e la normativa ma è anche un tutore terzo dei cittadini». Il difensore civico della Valle d’Aosta ha anche ricordato quanto sia semplice avvalersi della difesa civica; «non c’è bisogno di deleghe, marche da bollo o documenti; basta presentarsi in ufficio liberamente il martedì (9-12; 15-17) e mercoledì (15-18) oppure il giovedì su appuntamento, il rapporto è informale, le risposte arrivano in tempi brevi».
Nel 2013 sono stati 507 i casi trattati dal difensore civico; 40 erano ‘eredità’ del 2012; «con un incremento del 12% e con un aumento significativo per i comuni convenzionati, da 87 a 149 casi. Si è registrato anche l’incremento del 67% delle istanze che riguardano gli enti locali; le istanze continuano a riguardare in prevalenza l’amministrazione regionale e l’azienda Usl».
Perchè i cittadini si rivolgono al difensore civico?
«Al primo posto, il rapporto di lavoro, sia lo svolgimento della prestazione lavorativa, sia concorsi e assunzioni, poi ordinamento, soprattutto sanzioni per la circolazione stradale o tributi locali; poi, assistenza sociale, perlopiù emergenza abitativa, contributi, provvidenze economiche.
«In calo, rispetto al 2012, le istanze per la previdenza e l’assistenza – ha commentato Formento Dojot – diciamo che la speranza per la pensione si è allontanata. Anche la difesa civica sente la crisi; i tagli ‘figli’ della spending review hanno pesato sulle trasferte; il difensore civico ad esempio non ha partecipato alla riunione degli obdusman a Dakar. Il rapporto sull’economia della Banca d’Italia, la disoccupazione all’8%, l’edilizia che segna il passo, i dati contrastanti del turismo – insomma quella luce in fondo al tunnel che auspicavo di trovare, lo scorso anno, non si vede ancora purtroppo» – ha commentato Formento Dojot.

GARANTE PER I DIRITTI DELLE PERSONE SOTTOPOSTE A MISURE RESTRITTIVE DELLA LIBERTA’ PERSONALE

Il difensore civico della Valle d’Aosta è anche Garante dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale. Nel 2013 il difensore civico si è occupato di 72 casi, 70 dei quali già definiti. «Si tratta di casi strettamente legati alla condizione di restrizione della libertà personale – ha commentato Formento Dojot – sostanzialmente le relazioni con il personale, il regolamento della casa circondariale, le condizioni di detenzione, il vitto, i prezzi del sopravvitto (generi alimentari in vendita all’interno del carcere che i detenuti possono acquistare con risorse proprie, ndr), la fruizione privata dei servizi sanitari, l’igiene ecc…
«I decreti svuota carcere di fine 2013 e inizio 2014 hanno prodotto qualche risultato – commenta Formento Dojot. La casa circondariale di Brissogne ha una capienza regolamentare di 180 detenuti; a fine 2012 i detenuti erano 281, a dicembre 2013 erano 200, oggi, al 30 settembre 2014 sono 133; «nonostante qualche protesta, la collutazione tra un detenuto e un agente (dopo l’arrivo di sei detenuti dal carcere di San Vittore) e un tentato suicidio, sventato per fortuna – la diminuzione dell’affollamento della struttura ha portato un effetto benefico. Continuano a rimanere le criticità legate alla scarsità di figure di supporto, assistenti sociali e psicologi che possano affiancare i detenuti, anche tenuto conto del fatto che molti sono stranieri e non supportati da una rete di amici o familiari».
Dal 2014, è di nuovo attiva la guardia medica h24; rimane irrisolto il nodo del trasferimento delle risorse finanziarie che non è ancora seguito nonostante il trasferimento di competenze.
Formento Dojot ha lodato l’operato dell’associazione di volontaricato carcerario, «che conta 41 iscritti, che è attiva e attenta alla casa circondariale con varie iniziative e attività».
«La responsabilizzazione del detenuto e il lavoro delle le due leve grazie alle quali la recidiva si abbatte – è provato scientificamente – commenta il garante per i diritti dei detenuti – e proprio su questo bisogna lavorare, anche magari sperimentazioni come la sorveglianza dinamica, come succede nel carcere di Bollate». Positive sono le esperienze lavorative offerte all’interno del carcere, attraverso la lavanderia e il laboratorio di panificazione.
Lo scorso anno ho parlato di carcere come opportunità, di una necessaria integrazione tra casa circondariale e territorio – ha commentato Formento Dojot – serve un altro passo avanti dal punto di vista culturale; il detenuto non va criminalizzato, controllato in carcere e poi una volta fuori ‘affari suoi’. Per questo dico che bisogna insistere sulle opportunità di lavoro».
Nella foto, il difensore civico della Valle d’Aosta Enrico Formento Dojot.
(cinzia timpano)

Condividi

LAST NEWS

Mercato Europeo di Aosta: si alza il sipario sulla tre giorni di gusti e oggetti da 30 paesi


Taglio del nastro per l'iniziativa che che andrà in scena fino a domenica 2 ottobre in piazza...

Posted by on