Posted on

Tragedia: schianto sulla regionale, muoiono due fratelli di Cervinia

Tragedia: schianto sulla regionale, muoiono due fratelli di Cervinia

Marco e Matteo Giovannini - figli del comamdante del SAGF - stavano scendendo a scuola a Verrès; l'incidente poco prima delle 7.30 in località Covalou di Antey; in Rianimazione la terza occupante dell'automobile, non gravi le due persone sul camion

Una tragedia. Non ci sono altre parole con le quali definire quanto avvenuto questa mattina poco prima delle 7.30 sulla strada regionale 46 della Valtournenche, nel tratto in località Covalou di Antey-Saint-André. A perdere la vita sono stati due giovanissimi, i fratelli Marco e Matteo Giovannini, 18 e 16 anni, figli del comandante del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Cervinia, Massimiliano Giovannini.Da una prima sommaria ricostruzione operata dai carabinieri della Compagnia di Châtillon Saint-Vincent, giunti sul posto insieme a Polstrada, gruppo taglio dei Vigili del Fuoco e 118, l’automobile (una Honda Jazz) con a bordo i due fratelli di Breuil-Cervinia – all’interno della quale, sul sedile posteriore, viaggiava anche una loro amica 18enne, Carlotta Comé, a sua volta di Cervinia – sarebbe uscita un po’ larga da una curva a destra, forse a causa del fondo stradale reso scivoloso dalle bassissime temperature, andando a schiantarsi frontalmente una quarantina di metri dopo contro un furgone che stava invece salendo verso Antey-Saint-André.Lo scontro è stato violentissimo. I due Giovannini – che insieme alla ragazza stavano scendendo a scuola a Verrès – sono deceduti sul colpo, mentre la 18enne – estratta cosciente dalle lamiere – è stata elitrasportata d’urgenza all’ospedale Umberto Parini di Aosta, dove si trova attualmente ricoverata per politrauma nel reparto di Rianimazione con una prognosi di 90 giorni.E’ attualmente sottoposta a un intervento chirurgico a causa di un trauma da schiacciamento riportato alla gamba destra.Sono finiti in Pronto soccorso anche i due occupanti del furgone, padre e figlio di 58 e 29 anni, residenti in provincia di Torino. Le loro condizioni non sono gravi.(pa.ba.)

Condividi

LAST NEWS