Posted on

Fondo: Pellegrino pronto per la sprint iridata

Fondo: Pellegrino pronto per la sprint iridata

Il campione di Nus in pista domani a Lathi: «Arrivo a questa gara nel modo migliore»; al via anche Greta Laurent: «Sono in crescita, voglio qualificarmi e dare battaglia»

Ultime ore di attesa a Lathi, dove domani verranno assegnate le prime medaglie ai Mondiali di fondo. I primi a scendere in pista saranno gli sprinter, attesi dalla sprint a tecnica libera: la Valle d’Aosta sarà rappresentata da Federico Pellegrino e Greta Laurent (foto).

Riflettori puntati su Chicco Pellegrino

Uno dei grandi attesi è l’azzurro Federico Pellegrino, detentore e attuale leader della Coppa del Mondo di specialità. «Arrivo a questa gara nel modo migliore – dice il poliziotto di Nus -. Ora tocca a me e, lavorando tutti al massimo, il risultato grosso ce lo possiamo andare a prendere. Sono qui con le buone sensazioni, cresciute di gara in gara durante la stagione di Coppa nella quale non sono stato quello dello scorso anno. In chiave mondiale, è meglio così: avrò meno pressioni e non sarò io l’uomo da battere. Sono arrivato alla fase centrale e di maturità della mia carriera, ho tanta voglia di gareggiare e di giocarmi le mie carte sino in fondo. E’ il mondiale del ricambio generazionale: tutti i pretendenti alla medaglia sono classe ’90, come me. E su tutti io ci ci metto i norvegesi – con Klaebo in testa – e i russi – con Ustiugov davanti a tutti gli altri -. Io posso far parte di quel gruppo, ma attenzione anche ai finlandesi, che corrono in casa, e ai francesi».

Agli ultimi Mondiali, Falun 2015, il valdostano chiuse quinto nella sprint a tecnica classica e terzo assieme a Didi Noeckler nella team sprint skating. «Da allora ho affinato tanti piccoli particolari – aggiunge Chicco -. Sono cresciuto e conto di poterlo fare ancora; credo di essere appena sotto il mio limite. A Lahti, lo scorso anno, ho preso bene le misure a questa pista, non è così dura, ma non è da sottovalutare: la tattica, i giochi delle scie e i materiali saranno fondamentali. Il rettilineo finale è un po’ più lungo rispetto a quello dell’anno scorso e per me è una novità positiva, perché potrò far valere il mio cambio di ritmo».

Pellegrino sarà sostenuto dai membri del suo Fans Club, saliti in Finlandia per fare tifo. «Non vedo l’ora di sentirli chiassosi e di vederli colorati, là in mezzo al pubblico – conclude il campione di Nus -. A Lahti c’è un’atmosfera elettrizzante, qui si respira pane e fondo, è tutto esaltante».

Le aspettative di Greta Laurent

E a difendere i colori valdostani, domani, ci sarà anche Greta Laurent, fidanzata di Chicco. «In questa stagione non ho trovato le sensazioni giuste e non ho ancora messo in campo tutto il lavoro fatto in estate – afferma la finanziera di Gressoney -. Nell’ultima gara di Otepae, pochi giorni fa, mi sono sentita meglio e spero che la condizione sia quella giusta in modo che io possa dare tutta me stessa. La pista mi piace, è abbastanza nervosa, con una salita finale lunga, ma una discesa successiva nella quale si può recuperare. Il primo passo sarà superare le qualificazioni, poi battaglieremo eventualmente nei quarti di finale».

(d.p.)

Condividi

LAST NEWS