Posted by on

Consiglio Valle: passa manovra da 20 milioni, ma la maggioranza è al capolinea

Non piace la costituzione del nuovo gruppo, poco autonomista, Area civica-Stella Alpina-Pour notre Vallée

Consiglio Valle: passa manovra da 20 milioni, ma la maggioranza è al capolinea

La minoranza compatta ha lasciato l’aula non partecipando al voto sulla variazione di bilancio che è passata con i voti della sola maggioranza. La discussione sulla manovra da 20 milioni di euro ha messo a nudo le frizioni tra Uvp, Pour Notre Vallée, Area Civica e Stella Alpina, più defilata la posizione di Alpe. Tutto lscaia presagire che alla ripresa dei lavori del Consiglio Valle a settembre avremo un nuovo cambio di maggioranza con il ritorno a un’alleanza Uv, Uvp e movimenti satelliti.

Intanto nelle dichiarazioni di voto il capogruppo del Pd Jean-Pierre Guichardaz ha parlato di «Consiglio sfregiato sia da chi se ne è andato (Roberto Cognetta M5S non ha partecipato al dibattito) sia dalla maggioranza che ha usato la massima istituzione democartica come un dente da togliere. Il vostro esperimento è miseramente fallito».

l capogruppo di Epav Mauro Baccega si è detto rammaricato perché «a condurre il dibattito avrebbe dovuto esserci un atteggiamento più consono. Le luci di questi provvedimenti sono le assunzioni, i mutui a sostegno dell’edilizia; per gli altri interventi c’è poca chiarezza».

Elso Gerandin ha amminito: «Una Valle d’Aosta spaccata non sarà mai credibile. Con lo Stato bisogna agire subito altrimenti il declino della nostra regione è decretato. Da qui a settembre voglio capire la vera sitauzione dei valdostani. A me i psicodrammi degli ex di maggioranza importano poco (leggi Pd). Starò con la maggioranza solo fino a che la legge sarà promulgata».

Il capogruppo dell’Union valdôtaine Ego Perron ha ribadito: «Alcune considerazioni ci hanno convinto, mentre altre non hanno fatto che rafforzare le nostre perplessità. Noi abbiamo insistito sul metodo perché il metodo è stato sostanza in questo passaggio e la politica richiede coerenza di linguaggio. Noi denunciamo ancora una volta che su di un provvedimento così importante non siamo stati messi nella condizione di dare il nostro contributo».(danila chenal)

Condividi

LAST NEWS