Posted on

Calcio: Gentile suona la carica in vista del match con la cenerentola Milazzo

Calcio: Gentile suona la carica in vista del match con la cenerentola Milazzo

Carbone ha la febbre, ma dovrebbe essere regolarmente in panchina; il presidente Filippella: «L'anno prossimo potremmo giocare al Puchoz o al Perucca, ma non si può perdere altro tempo, se no si rischia di restare a San Giusto»

La febbre ha tenuto lontano Benny Carbone dalla conferenza stampa della vigilia di VdA-Milazzo, ma il mister domani (ore 14.30 al Cerutti di San Giusto, arbitro Marco Mainardi della sezione di Bergamo) dovrebbe essere regolarmente in panchina. «Oggi ha diretto comunque la rifinitura e domani ci sarà – ha spiegato il direttore sportivo Christian Filippella, che ha poi fatto la conta degli assenti e fornito qualche anticipazione sulla formazione -. Oltre ai due squalificati Benedetto e Nocciola, mancheranno Jidayi e Bentolio; Esposito è a disposizione, ma dovrebbe andare in tribuna. Penso che giocheremo con il 3-4-3». Il DS ha quindi dato per dieci undicesimi la formazione: Frattali in porta, Fiore, Miceli ed Emiliano in difesa, Rolando, Amato, Gentile a centrocampo («il quarto mettetelo voi», ha scherzato con i giornalisti), Kanouté, Iocolano e Sinato in attacco.
Dell’importanza della sfida con la cenerentola del girone ha parlato Andrea Gentile. «Non siamo ancora alle partite senza ritorno, ma siamo consapevoli che è fondamentale – ha ammesso il centrocampista aostano -. Mancano sette match e più andiamo verso la fine, meno spazio c’è per rimediare a eventuali errori. Quella con il Milazzo sarà una gara complicata, i siciliani sono spacciati, ma non hanno sbracato e faranno la loro partita fino in fondo, com’è giusto che sia. Noi dovremo giocare con pazienza e serenità, senza entrare in campo con l’assillo di sbloccare il risultato a tutti i costi subito. Domani dobbiamo vincere per tenere a bada chi insegue e per poi poter lavorare con la giusta tranquillità durante la sosta pasquale. Sono fiducioso, perché la squadra è in crescita». In conferenza stampa si è presentato anche il baby Alex Noro: «Finora ho giocato in prima squadra solo in amichevole, ma spero di esordire anche in campionato. Sento la fiducia del mister e lavoro duramente per farmi trovare pronto nel caso ci fosse bisogno di me».
Il presidente Filippo Filippella (nella foto assieme al fratello Christian) è tornato sulla questione stadio. «Abbiamo deciso di non chiedere la deroga per tornare in Valle prima della fine del campionato – ha dichiarato il numero uno granata -, ma stiamo già lavorando per la prossima stagione. La commissione impianti sportivi della Lega Pro ci ha chiesto i documenti relativi agli stadi Puchoz e Perucca, che sono stati identificati assieme a questura e prefettura come idonei a ospitare le nostre gare nella prossima stagione. A inizio settimana mi metterò in contatto con i sindaci di Aosta e St-Vincent per avere quanto prima i documenti, così da poter predisporre a brevissimo l’ispezione federale che ci dica gli interventi da fare per mettere a norma i due impianti. A quel punto capiremo se per il 20 giugno avremo la possibilità di avere uno stadio a norma in Valle; non c’è molto tempo, quindi mi sto attivando anche con il Comune di San Giusto per avere una sorta di parafulmine nel caso non si riesca a completare l’iter valdostano nei termini federali. Intanto sono sempre in attesa di una risposta da parte dell’amministrazione comunale di Aosta sul project financing che abbiamo presentato per il Puchoz e per l’area Montfleury».
(davide pellegrino)

Condividi

LAST NEWS