Posted on

Arrestato a Piacenza il presunto mandante dell’estorsione di fine luglio a un gestore di un locale «della zona di Châtillon»

Si tratta dell'aostano Fabian Marciano, il cui coinvolgimento sarebbe emerso a seguito di intercettazioni disposte dai Carabinieri; il legale del giovane respinge ogni addebito mosso nei confronti del suo assistito

Si tratta dell'aostano Fabian Marciano, il cui coinvolgimento sarebbe emerso a seguito di intercettazioni disposte dai Carabinieri; il legale del giovane respinge ogni addebito mosso nei confronti del suo assistito

Un trentaseienne aostano, Fabian Marciano, elettricista, è stato arrestato dai Carabinieri di Piacenza in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere chiesta dal sostituto procuratore di Aosta, Luca Ceccanti.
Il giovane è sospettato di essere il mandante dell’estorsione tentata al gestore di un locale «della zona di Châtillon», che nella notte tra domenica 27 e lunedì 28 luglio portò all’arresto in flagranza di reato di due albanesi trentenni (Leart Bejko e Rajmondi Shaolli) e di una donna italiana cinquantenne (Maria Pia Incannova), tutti provenienti dalla provincia di Milano e pluripregiudicati.
I tre furono ‘beccati’ sul fatto mentre chiedevano una somma di denaro (1.000 euro in due tranche da 500) al gestore di un locale «della zona di Châtillon».
Le udienze di convalida dei provvedimenti di carcerazione dei tre si tennero nella mattinata del 30 luglio davanti al gip del Tribunale di Aosta, Maurizio D’Abrusco, con i due albanesi reclusi alla casa circondariale di Brissogne e la donna tradotta nella sezione femminile del carcere di Torino.
Per quanto riguarda l’arresto del presunto mandante del tentativo estorsivo, il legale di Marciano, l’avvocato Nicoletta Spelgatti di Aosta, respinge ogni addebito mosso nei confronti del suo assistito, il cui presunto coinvolgimento sarebbe emerso a seguito di intercettazioni disposte dai militari dell’Arma dei Carabinieri.
(pa.ba.)

Condividi

LAST NEWS