Posted on

Fisco: Albert Lanièce: «I criteri di esenzione dell’Imu penalizzano la montagna»

Fisco: Albert Lanièce: «I criteri di esenzione dell’Imu penalizzano la montagna»

Il parametro Istat per il quale fa testo l'altitudine dei municipi, secondo il senatore valdostano, non corrisponde alla realtà montane

«La decisione assunta ieri dal Governo, attraverso l’introduzione dei decreti attuativi della Legge sulla Competitività, con i quali si individua l’altitudine della sede della Casa Comunale come criterio ai fini del regime di esenzione dall’Imu per i terreni agricoli in aree montane o di collina, costituisce un grave errore e una forma di penalizzazione per tutti gli agricoltori di montagna». A denunciarlo il senatore e vicepresidente del Gruppo Interparlamentare per lo Sviluppo della Montagna, Albert Lanièce.
«La scorsa settimana – prosegue Lanièce – ho cofirmato un’interrogazione al Governo dove si chiedeva che non fosse questo il criterio. Innanzitutto perché per difficoltà di collegamento, nella maggior parte dei comuni di montagna, la sede del è stata nel tempo spostata o costruita a fondovalle; pertanto, la sua altitudine – assunta dall’Istat a riferimento per la classificazione statistica dei comuni – non può ritenersi un indice minimamente idoneo a definire la natura “montana” di un comune, a maggior ragione se tale definizione è posta a fondamento di un trattamento fiscale differenziato per i contribuenti. A questo s’aggiunge il fatto che siamo a ridosso della scadenza di pagamento: tutto questo mette in difficoltà i Comuni, che dovranno ricalcolare la quota, ma soprattutto i proprietari dei piccoli appezzamenti terrieri».
(re.vdanews.it)

Condividi

LAST NEWS