Posted on

Dinamite in azienda agricola: stangato allevatore La Salle

Dinamite in azienda agricola: stangato allevatore La Salle

Cassiano Treboud è stato condannato a 3 anni di reclusione e al pagamento di 4.000 euro di multa; la difesa - che aveva insistito sull'estraneità ai fatti dell'imputato - ha già annunciato ricorso in appello a Torino

Una stangata. Il giudice monocratico del Tribunale di Aosta, Marco Tornatore, ha condannato l’allevatore di La Salle, Cassiano Treboud, 41 anni, a 3 anni di reclusione e al pagamento di 4.000 euro di multa per l’illecita detenzione di 25 candelotti di dinamite.A nulla, insomma, è valso il tentativo della difesa – che ha già annunciato ricorso in appello avverso la sentenza a Torino – di dimostrare l’estraneità ai fatti del proprio assistito, tanto da annoverare tra i diversi testimoni chiamati a comparire in aula, anche il parroco di La Salle, don Silvio Perrin.Treboud fu arrestato nella notte tra il 17 e il 18 aprile di un anno fa durante un’operazione del Corpo forestale: l’attività di perquisizione della sua azienda agricola scattò a seguito di una denuncia inoltrata all’autorità inquirente dalla Cooperativa produttori latte e Fontina, nella quale si lamentava la sparizione di circa 120 assi di legno dal magazzino di Palleusieux a Pré-St-Didier.In un locale del sottotetto del fabbricato, a un certo punto, gli agenti scoprirono – occultati all’interno di un sacco nero in un armadio – 24 candelotti di dinamite con tanto di micce esplosive. «Un’altra gelatina esplosiva la ritrovammo sotto dei vestiti, nel piano sottostante, regolarmente abitato», ha dichiarato un teste dell’accusa in aula.Dal canto suo, Cassiano Treboud nelle sue spontanee dichiarazioni ha sempre insistito: «Non ero a conoscenza della presenza della dinamite in quel locale», all’interno del quale – secondo la difesa – sarebbero potute entrare anche altre persone e non soltanto il suo assistito.Nella medesima attività di perquisizione, in una concimaia accanto all’azienda agricola, gli agenti del Corpo forestale trovarono occultate anche diverse carcasse di bovini, derivanti verosimilmente da attività di macellazione clandestina. Per questi fatti, Treboud è stato inserito tra gli indagati dell’Operazione Blu Belga, la cui udienza preliminare è prevista a luglio in Tribunale ad Aosta.(pa.ba.)

 

Condividi

LAST NEWS