Posted by on

2 giugno, le celebrazione per la Festa degli italiani

2 giugno, le celebrazione per la Festa degli italiani

Al salone Viglino, alle 18, la consegna delle onorificenze di Cavaliere e Ufficiale della Repubblica e delle Medaglie della Liberazione; alle 16.30 concerto in place Deffeyes

Dopo gli impegni istituzionali nella Capitale – il ricevimento nei giardini del Quirinale e la parata militare del mattino in via dei Fori Imperiali, il presidente della Regione Pierluigi Marquis farà gli onori di casa oggi, venerdì 2 giugno, alle celebrazioni per il 71esimo anniversario della proclamazione della Repubblica e alla cerimonia di consegna delle onorificenze dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana.Alle 16.30, in piazza Deffeyes si terrà il concerto dell’Orchestre à vent du Conservatoire de la Vallée d’Aoste diretta dal Maestro Walter Chenuil mentre alle 18, nel sala Maria Ida Viglino, saranno consegnate le medaglie; nel ruolo di Ufficiale della Repubblica, sarà insignito il Colonnello Marco Mosso; Cavalieri delle Repubblica saranno insigniti il Tenente Colonnello Remo Armano, il Maresciallo dei Carabinieri Nado Calderone, l’alpino e missionario laico Emilio Grivon, l’alpino del gruppo di Charvensod e già operaio Cogne Pier Luigi Quaranta, l’artificiere dell’Esercito in quiescenza Liberato Salvati, il Tenente Colonnello Massimo Stella, il Primo Maresciallo Luogotenente Ettore Taufer e l’imprenditore alberghiero Dario Zanetti. La cerimonia del 2 giugno sarà anche l’occasione per consegnare le Medaglie della Liberazione ad Argentino Fea, Carlo Guaramonti, Bruno Nigra e Ivan Pesaola. Argentino Fea, classe 1925, nato ad Asti; catturato nel 1944 dai tedeschi, fu internato in Germania nel campo di Gelsenkirchen e liberato dagli americani nel 1945. Carlo Guaramonti, classe 1923, nato a Sarego (Vicenza), soldato del Comando CRN catturato a fiume nel 1943 e deportato in Germania nel lager IV/D di Dortmund; fu liberato dagli americani e rimpatriato il 15 agosto 1945. Bruno Nigra, classe 1922, nato ad Aosta, soldato del 4º Alpini Battaglione Aosta. Catturato a Danilograd il 10 ottobre 1943, fu deportato in Germania nel lager VI/C 96665; rimpatriato il 15 agosto 1945. Ivan Pesaola, classe 1920, nato a Montelupone (Macerata); soldato del 153º Battaglione Misto Genio, catturato a Delic in Croazia il 14 settembre 1943, deportato in Germania il 19 settembre 1943 nel Lager III/A 120247; fu rimpatriato il 3 settembre 1945. Nella foto, il Tricolore portato dai bambini durante le celebrazioni dello scorso anno in piazza Deffeyes. (re.newsvda.it)

Condividi

LAST NEWS