Posted on

Pdl: Zucchi: «Il 27 entreremo dalla porta principale per governare»

Pdl: Zucchi: «Il 27 entreremo dalla porta principale per governare»

Al comizio di chiusura intervento telefonico di Silvio Berlusconi

È la telefonata di Silvio Berlusconi la sorpresa del comizio di chiusura della campagna elettorale per le regionali del 26 maggio del Popolo della libertà. Nel salone dell’Hostellerie du Cheval Blanc di Aosta alle 10 risuona la voce del Cavaliere che si scusa, ringrazia Alberto Zucchi e Massimo Lattanzi che «egregiamente guidano il Pdl in Valle d’Aosta» e manda un affettuoso in bocca al lupo agli altri candidati. «In Italia il Pdl è salito nei sondaggi al 30% dei consensi, spero in un buon risultato in Valle d’Aosta». Cita poi l’intervento del suo governo che ha reso possibile l’acquisizione della Deval e riconosciuto i 10/10 del riparto fiscale. Infine, in una quindicina di minuti, ripercorre le tappe che hanno portato al ‘governissimo’ e ricorda gli obiettivi che questo si pone.
Di occupazione, riforma della tassazione, sospensione dell’Imu e aiuti alle imprese aveva parlato prima di lui l’onorevole Daniela Santanché, chiamata a colmare il vuoto lasciato dall’ex premier, che ha rinunciato alla sua venuta ad Aosta dopo le contestazioni di piazza a Brescia. «In Valle d’Aosta – aveva esordito Santanché – mi sento a casa». Concorda sul fatto che bisogna fare del turismo un’industria primaria, così come citato da Lattanzi, perché «da un punto di vista paesaggistico alla Valle d’Aosta non manca nulla» e invita alla battaglia per «un aeroporto in funzione ed efficiente»; sposa la proposta del Pdl locale per l’elezione diretta del presidente della Regione; pigia l’acceleratore sul senso di responsabilità e credibilità già evocato da Zucchi perché «è il fare che contraddistingue il Pdl». Un accenno pure all’autonomia: «L’autonomia è stata in passato vista come una grande mucca piena di latte da mungere ma non a beneficio della comunità e in favore dello sviluppo; i soldi servono non per fare dell’assistenzialismo ma per la crescita».
Tornano a risuonare nella sale le parole credibilità, programmi concreti e responsabilità che per Zucchi il 27 maggio «porteranno ad entrare a Palazzo dalla porta principale per governare». Se vittoria sarà vedremo Silvio Berlusconi in Valle d’Aosta: promessa di Cavaliere. (Foto: Daniela Santanché)
(danila chenal)

Condividi

LAST NEWS