Pubblicato il

Anziano non rientra a casa ad Aosta, lo trovano morto in montagna

Anziano non rientra a casa ad Aosta, lo trovano morto in montagna

Benito Francesco Chentre, storico ristoratore di Ollomont, è stato trovato privo di vita nell'area verde del bar ristorante La Luge di sua proprietà; l'esame esterno della salma da parte del medico legale ha confermato il decesso per cause naturali

L’allarme era scattato nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 28 maggio, dopo che la moglie non l’aveva visto rientrare a casa ad Aosta.
Benito Francesco Chentre, 82 anni, storico ristoratore di Ollomont, ex gestore e tuttora proprietario del bar ristorante La Luge (FOTO), è stato trovato privo di vita nella tarda serata di ieri nell’area esterna dell’esercizio pubblico (ora chiuso) in frazione Fontane di Ollomont, dove era solito salire praticamente tutti i giorni, avendo anche una casa in frazione Vevey.
I militari della Stazione dei Carabinieri di Valpelline e alcune squadre dei Vigili del Fuoco l’avevano cercato per ore un po’ dappertutto: l’uomo era invece lì, nella parte retrostante il bar ristorante, dietro una siepe.
«Dall’esame esterno della salma effettuato questa mattina dal medico legale – ha spiegato il sindaco di Ollomont, Joël Créton – ci è stato riferito che Benito Francesco Chentre è deceduto per cause naturali, molto probabilmente un infarto. Effettivamente l’abbiamo cercato per diverse ore – ha aggiunto il primo cittadino -, il fatto è che lui era in un punto nascosto, stava lavorando alla pulizia di un pozzetto quando verosimilmente si è accasciato a terra (cadendovi poi all’interno, ndr)».
Il corpo dell’anziano, portato alla camera mortuaria del cimitero di Ollomont, è stato poi trasferito al piano terra del municipio, dove sarà allestita la camera ardente.
«E’ stato uno dei ristoratori storici di Ollomont, colui che costruì e gestì per diversi anni il bar ristorante posto giusto accanto alla pista di discesa – spiega ancora Créton -. Da tempo si era trasferito ad Aosta in compagnia di sua moglie, ma appena poteva saliva nuovamente a Ollomont, paese che aveva tuttora nel cuore».
(pa.ba.)

Condividi

ULTIME NEWS