Posted on

Povertà: la proposta del viceministro Olivero: «meno tasse alle aziende che donano le eccedenze di cibo»

Povertà: la proposta del viceministro Olivero: «meno tasse alle aziende che donano le eccedenze di cibo»

Un convegno all'Università della Valle d'Aosta ha messo in evidenza il ruolo dei territori nello spreco alimentare; principale imputato è il comportamento del consumatore che acquista, non consuma e getta via

Tasse più leggere e benefici fiscali per quelle aziende che donano i beni eccedenti o in scadenza. Lo ha ipotizzato oggi il viceministro delle Politiche Agricole Andrea Olivero che oggi, in tarda mattinata, ha concluso la prima sessione del convegno ‘Spreco Alimentare: il ruolo dei territori’, organizzato dal Dipartimento di Scienze Economiche e Politiche dell’Università della Valle d’Aosta. L’ipotesi premierebbe in principio la grande distribuzione organizzata ma potrebbe via via estendersi, contribuendo a dare un aiuto concreto a chi oggi, non riesce a mangiare. «Milioni di cittadini – tra i quali un milione e mezzo di minori – faticano a nutrirsi in modo corretto e sufficiente – ha spiegato il vice ministro – il contrasto allo spreco nella produzione e nella distribuzione delle derrate alimentare, le buone pratiche di distribuzione degli alimenti e l’impegno per una corretta educazione alimentare potrebbero creare un circolo virtuoso, costruendo una rete sociale capace di arginare il fenomeno».
Se in mattinata è stato analizzato il quadro nazionale in tema di spreco alimentare, la sessione pomeridiana è stata dedicata al quadro valdostano, con gli interventi di Fabio Molino del Coordinamento Solidarietà VdA, Andrea Barmaz dell’Institut Agricole di Aosta e Alessandro Celi per la Fondazione Emile Chanoux.
Dall’ipotesi di emporio solidale del Csv, alla compostiera che raccoglie gli scarti alimentari della ‘famiglia’ di 1500 persone dell’Institut Agricole, fino all’esperienza con i ragazzi nelle scuole, i relatori hanno fatto una panoramica sul ruolo del nostro territorio in materia di spreco alimentare. Sprechi che hanno tante origini ma che troppo spesso si riconducono al comportamento del consumatore e al frigorifero di casa.
L’approfondimento sul numero di Gazzetta Matin in edicola lunedì 10 novembre.
Nella foto, il vice ministro per le Politiche Agricole Andrea Olivero.
(cinzia timpano)

Condividi

LAST NEWS
Pontboset, lo scuolabus c’è ma una bimba resta a piedi
Il Fiat Ducato 9 posti utilizzato per il trasporto scolastico a Pontboset

Pontboset, lo scuolabus c’è ma una bimba resta a piedi


Il trasporto scolastico è stato ripristinato ma l'unica bimba che frequenta la scuola...

Posted by on