Posted on

Scuola allagata: domani riprendono le lezioni all’ITPR Corrado Gex

Scuola allagata: domani riprendono le lezioni all’ITPR Corrado Gex

L'assessore Stefano Borrello: «Stiamo valutando i danni strutturali e ai beni»

Torneranno in classe domani, giovedì 27 aprile, dalle 8 del mattino, gli alunni dell’ITPR Corrado Gex, la scuola chiusa da lunedì a seguito di un allagamento causato da un miscelatore dell’acqua calda, saltato nel weekend e chiuso solamente lunedì mattina alla riapertura.

A seguito delle opportune verifiche effettuate nella mattinata di mercoledì, i tecnici dell’assessorato alle Opere Pubbliche hanno dato il via libera alla riapertura, pur con qualche limitazione riguardante l’accesso ad alcuni laboratori.

«In questi giorni ci siamo adoperati per ripristinare le condizioni di sicurezza sia a livello strutturale che impiantistico – sottolinea l’assessore alle Opere pubblice Stefano Borrello -. Questa mattina (mercoledì ndr.) a seguito dei sopralluoghi dei periti, sono stati rilasciati i certificati di idoneità e abbiamo dato il via libera all’assessorato all’Istruzione per pianificare la normale ripresa dell’attività didattica».

Tante voci si sono diffuse sulle possibili cause dell’allagamento, e tra queste non è mancata la polemica sollevata dall’ex assessore Mauro Baccega, che su Facebook ha adombrato la colpa di «un rubinetto del bagno dei disabili che si è svitato o è stato svitato o è stato montato male». Non abbocca Borrello: «Il problema è sicuramente dovuto alla rottura di un miscelatore, ma le cause sono ancora in fase di accertamento da parte dei periti. La stessa cosa si può dire per l’ammontare dei danni strutturali e dei beni in uso alla scuola, da quantificare a fini assicurativi».

L’assessore alle Opere pubbliche sottolinea un ultimo particolare: «La struttura è in fase di collaudo amministrativo – conclude -. L’amministrazione, insomma, sta verificando la bontà delle opere consegnate: è nostro interesse valutare le problematiche emerse, l’operato della ditta costruttrice e le cause di questo brutto inconveniente».

(al.bi.)

Condividi

LAST NEWS