Posted on

Misure anticrisi: prestito fino a 25 mila euro per le piccole imprese

Misure anticrisi: prestito fino a 25 mila euro per le piccole imprese

Protocollo di intesa tra Chambre Valdôtaine, Fondazione Comunitaria e diocesi di Aosta

Il ‘prestito della speranza’ – lo strumento studiato dalla Conferenza Episcopale italiana per sostenere l’accesso al credito a condizioni agevolate per le famiglie e le microimprese in condizione di vulnerabilità economica – vuole ampliare il suo raggio d’azione e lo fa, chez nous, attraverso la convenzione sottoscritta oggi, giovedì 4 maggio, tra Chambre Valdôtaine, Fondazione Comunitaria e Diocesi di Aosta.  La sigla della convenzione è avvenuta stamane alla sede della Chambre, alla presenza del Vescovo della Diocesi di Aosta Monsignor Franco Lovignana e del presidente della Fondazione Comunitaria Luigino Vallet.  «Emerge sempre più chiara la necessità di sostenere l’accesso al credito delle imprese – ha spiegato il presidente della Chambre Nicola Rosset – molto spesso nella nostra regione impresa e famiglia sono la stessa cosa; inoltre, il 56% delle aziende è mono addetto».  Dalla prossima settimana, alla Chambre, sarà aperto uno sportello dove presentare le istanze; le imprese potranno presentare la richiesta per il finanziamento per un importo fino a 25 mila euro che potrà essere erogato in un’unica tranche e dare così la possibilità di avviare o ammodernare un’attività d’impresa.  Il prestito effettuato dalla banca sarà garantito dalla CEI con l’obiettivo di perseguire l’inclusione sociale e lavorativa delle persone, facendo leva sulla responsabilità personale e sulla libera iniziativa.  Secondo quanto riferito dal direttore della Caritas diocesana Andrea Gatto, «sono una decina le persone e due imprese che hanno già sottoscritto il prestito della speranza. Avere uno sportello qui alla Chambre ha l’obiettivo di rilanciare il prestito a favore delle piccole imprese e al tempo stesso limitando la ‘vergogna’ di rivolgersi alla Caritas in caso di bisogno». Per la presentazione della richiesta di prestito della speranza, la Diocesi si avvarrà dell’aiuto dei volontari dell’associazione Vobis, ex dipendenti di istituti di credito che, forti della loro esperienza pluriennale, si occuperanno della parte tecnica.  Per accedere allo sportello è necessario concordare un appuntamento telefonando al numero 0165-573062. Nella foto, da sinistra, Andrea Gatto, direttore della Caritas diocesana, Monsignor Franco Lovignana, il presidente della Chambre Nicola Rosset, il presidente della Fondazione Comunitaria Luigino Vallet e Jeannette Grosjacques, segretario della Chambre Valdôtaine. (cinzia timpano)

Condividi

LAST NEWS