Posted on

Cogne: dopo 110 anni il patrimonio minerario torna nelle disponibilità della comunità locale

Cogne: dopo 110 anni il patrimonio minerario torna nelle disponibilità della comunità locale

Dopo l'atto definitivo di acquisizione firmato ieri - martedì - a Roma; l'accordo raggiunto con Fintecna Spa porterà nelle casse del Comune 549.000 euro utili ai monitoraggi annuali della miniera e all'avvio di un percorso di valorizzazione del sito

Centodieci anni e otto mesi, ovvero 40.390 giorni. E’ il tempo trascorso dalla riattivazione del sito minerario di Cogne – nel 1903 iniziò il suo sfruttamento a livello industriale da parte di una società italo-belga dopo numerosi anni pressoché di abbandono – a ieri, martedì 29 luglio, giorno in cui è stato siglato a Roma l’atto finale del percorso che ha riportato al Comune di Cogne la piena proprietà di tutto il patrimonio minerario, edilizio e immobiliare legato al sito estrattivo, la cui operatività cessò il 21 marzo del 1979.
L’accordo di ieri a Roma, a cui ha partecipato anche una delegazione della Giunta comunale di Cogne, capeggiata dal sindaco Franco Allera, è stato siglato con Fintecna Spa, società del Ministero dell’Economia, e prevede che, oltre alla proprietà delle miniere, l’amministrazione di Cogne incassi, a fronte del subentro nella parte finale dell’iter di dismissione della concessione mineraria, una somma pari a 549.000 euro, stanziamento utile ai monitoraggi annuali del sito e all’avvio di un percorso di valorizzazione turistico-culturale della miniera.
«Un ringraziamento all’amministrazione regionale, che grazie all’impegno della Presidenza e degli assessori competenti, ha reso possibile il concludersi favorevole di questa operazione storica per la comunità di Cogne», si legge in una nota dell’amministrazione comunale di Cogne.
(pa.ba.)

Condividi

LAST NEWS