Posted on

La Cena al buio del Des Alpes diventa musicale

La Cena al buio del Des Alpes diventa musicale

Sabato 4 ottobre l'hôtel di Cuchepaches ripropone la suggestiva esperienza di cenare immersi nell'oscurità per sensibilizzare i commensali sul tema della cecità

Al buio si può fare un po’ di tutto. Scoprire che lo scotch fa scintille, indovinare le spezie dal profumo, cercare di capire che tipo di pasta e quanta ce n’è in un barattolo, ascoltare la presentazione di un libro, scoprire che il vino che si sta bevendo è rosso anziché bianco, che il sapore dei cibi cambia in modo sorprendente e, sabato, anche ascoltare della buona musica.
Leonardo Urano, titolare dell’Hôtel Des Alpes di Cuchepaches, a Saint-Rhémy-en-Bosses ripropone per sabato 4 ottobre la Cena al buio accompagnata da una novità. Il duo Alberto Varaldo e Pietro Ballestrero, armonica e chitarra, proporrà un accompagnamento musicale che spazia tra composizione e improvvisazione, nel quale sonorità jazzistiche si alternano ad atmosfere mediterranee e sudamericane.
Per chi non ha mai partecipato, cenare al buio è un’esperienza emozionante e forte. Al di là del disorientamento iniziale e del divertimento, è un’importante occasione per riflettere sul mondo di chi la luce non la vede mai.
Bisogna fidarsi. Di chi ti accompagna al tavolo, di quello che si ha nel piatto, della destrezza di chi serve tazzine di caffè bollente tra tavolate chiassose e disordinate.
Quando la luce lentamente ritorna si rimane spaesati e un po’ spossati, per la fatica e la concentrazione di tenere gli altri quattro sensi sempre all’erta, ma sicuramente più ricchi, comprensivi, partecipi e attenti. Cenare al buio è «un modo per ridurre la distanza psicologica tra chi ha perso la vista e chi non ha questo handicap», come ha più volte sottolineato Urano.
A destreggiarsi tra le tavolate indossando per una sera i panni dei camerieri saranno persone che vivono costantemente così. Al buio.
Informazioni e prenotazioni 0165-780818.
(erika david)

Condividi

LAST NEWS