Pubblicato il

Mafia: sgomento anche in Valle per l’attentato di Brindisi

Mafia: sgomento anche in Valle per l’attentato di Brindisi

Massimo Denarier, segretario SAP regionale: «fatto gravissimo in un luogo e in una data dal forte valore simbolico»

Sgomento anche in Valle per l’attentato di stampo mafioso (non c’è ancora alcuna rivendicazione anche se gli investigatori pensano a un atto dimostrativo della Sacra Corona Unita) di stamattina a Brindisi, innanzi all’Istituto professionale per i servizi sociali intitolato alla memoria di Giovanni Falcone e della moglie Francesca Morvillo, uccisi a Capaci vent’anni addietro, che si trova poco distante dal tribunale brindisino. Innanzi alla scuola, qualche minuto prima delle 8, sono state fatti esplodere tre ordigni, probabilmente collegati a bombole del gas, occultati in un cassonetto per la raccolta differenziata della carta. Sgomento per la morte della studentessa sedicenne Melissa Bassi e per il ferimento di altre studentesse, due in condizioni disperate. Proprio oggi, in tarda mattinata, la carovana della legalità avrebbe dovuto fare tappa innanzi alla scuola intitolata al giudice Falcone e a sua moglie; si tratta dell’iniziativa dell’associazione Libera fondata da don Ciotti che intende ricordare le vittime della mafia e sensibilizzare i cittadini alla legalità. A Siena, intanto, i ciclisti tedofori della polizia di Stato impegnati nel percorso della legalità hanno accolto con tristezza la notizia dell’attentato. «Un fatto triste e gravissimo – spiega Massimo Denarier, segretario regionale del Sindacato Autonomo di Polizia – in un luogo dal forte valore simbolico e in una data altrettanto simbolica, a pochi giorni proprio dal ventennale della strage di Capaci».
Di «attacco della criminalità organizzata senza precedenti» ha parlato il sindaco di Brindisi Cosimo Consales.
(cinzia timpano)

Condividi

ULTIME NEWS

Condividi

Condividi

Condividi

Condividi

Condividi

Condividi